Milan » Milan News » Barcellona-Milan, Buriani furioso: qualificazione buttata ma…

Barcellona-Milan, Buriani furioso: qualificazione buttata ma…

Milan News Allegri Barcellona-Ruben Buriani, intervistato da Tuttomercatoweb, ha commentato l’eliminazione dei rossoneri dalla Champions Leaue:

“Il Milan non è mai stato in partita. Ci sono poche cose da dire, la gara non è mai iniziata. Questo conferma che, come avevo già detto, il risultato dell’andata era bugiardo”.

Cosa ha sbagliato il Milan ieri sera?
“Credo che sia la filosofia di base ad essere sbagliata. Non si può pensare di eliminare una squadra con il Barcellona facendo tre tiri in porta in due partite. Nell’andata era andata bene in entrambi i casi, questa sera Niang è stato fermato dal palo. Il calcio ha delle logiche a cui, alla lunga, non si sfugge. Un atteggiamento così rinunciatario non può premiarti a questi livelli”.

 

Parlava di Niang: in quell’occasione poteva fare meglio…“Certo, poteva fare meglio ma è altrettanto vero che parliamo di un ragazzo giovanissimo. Purtroppo l’infortunio di Pazzini ha complicato le cose, c’erano poche alternative. Robinho ormai ha la testa in Brasile, mentre Bojan non gioca mai con continuità. Allegri non poteva fare altro che schierare Niang”.

Ed Allegri? Ha delle colpe il mister?
“Nel caso specifico no. Purtroppo bisogna accettare l’idea che il Milan sia nettamente inferiore a questo Barcellona. Questa squadra può essere competitiva in Italia, in un campionato sempre più modesto. In campo internazionale si evidenziano tutte le carenze di un organico che manca di qualità e di esperienza. Ad Allegri imputo proprio questo, non essere riuscito ad imporre alla società l’acquisto di giocatori di primissimo livelli. Solo con i giovani non può competere contro squadre così attrezzate”.

 

Una sconfitta pesante anche sul piano psicologico…“Molto pesante. Il risultato dell’andata lasciava presagire una gara diversa, invece il Milan ha totalmente rinunciato a giocare. Una sconfitta come questa può avere dei risvolti negativi anche in campionato perché ti toglie entusiasmo ed energie”.