Marco Brunelli Turki Al-Shiekh Fabio Guadagnini
Marco Brunelli, Turki Al-Shiekh e Fabio Guadagnini (Foto Twitter General Sport Authority)

MILAN NEWS – Non si placano le polemiche e le discussioni riguardo alla scelta della Lega Serie A di far disputare l’edizione 2018 della Supercoppa Italiana in Arabia Saudita.

Dopo le proteste dei tifosi di Juventus e Milan, della Rai e di recente anche dell’associazione consumatori, arriva un reclamo provenienti direttamente dal…Qatar. Il ricco paese mediorientale infatti sarebbe a dir poco discorde con la scelta di disputare un match di altissimo richiamo internazionale a Gedda, in una nazione che sosterrebbe alcune questioni non proprio positive.

Per leggere le proteste sulla scelta di Gedda come location della Supercoppa 2018 CLICCA QUI

Secondo quanto riportato dall’Associated Press sia il governo qatariota che la nota emittente internazionale BeIn Sports avrebbero chiesto ufficialmente alla Lega di spostare la location del match Juventus-Milan, previsto ormai tra soli sei giorni al King Abdullah Stadium di Gedda. I motivi? Il canale satellitare accusa l’Arabia Saudita sia di promuovere la pirateria televisiva, sia di inneggiare le proteste degli attivisti.

Yousef Al-Obaidly, Ceo di BeIn Sports, ha scritto una lettera all’a.d. della Lega Luigi De Siervo per cercare di convincerlo a cambiare idea: “Con tutte le Nazioni che avreste potuto scegliere, avete scelto quella che non rispetta diritti e proprietà intellettuale. La Lega Serie A non sarebbe riuscita a mantenere i suoi doveri di comunità sportiva, ma chiediamo di considerare se sia opportuno procedere con la partita a Gedda quando altre soluzioni, anche in altri slot, restano opzioni disponibili“.

 

Keivan Karimi – Redazione Milanlive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it