Milan, Maldini detta le condizioni per restare

Milan, ci sono spiragli per una permanenza di Paolo Maldini. Ma come assicura La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, il Dt detta delle condizioni ben precise per restare dopo il licenziamento di Zvonimir Boban. 

Paolo Maldini Frederic Massara
Paolo Maldini e Frederic Massara (©Getty Images)

Paolo Maldini è pronto a restare in casa Milan, ma alle proprie condizioni. Come infatti riferisce La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, il direttore tecnico avanzerà una serie di richieste per proseguire la propria avventura rossonera malgrado l’addio traumatico di Zvonimir Boban.

Innanzitutto, vuole la garanzia di partecipare alle decisioni cruciali in tema di mercato e sulla scelta dell’allenatore. E non solo in maniera formale, ma pratica e concreta dopo quanto accaduto con l’Ad Ivan Gazidis e la questione relativa a Ralf Rangnick.

Per la società, nonostante tutto, Maldini non dovrebbe andar via per svariati motivi. Perché rappresenta il Milan, la bella faccia del club e soprattutto per quella continuità da rappresentare all’estero. L’ex difensore resta quindi la prima scelta in tal senso, con Gazidis che ha sempre caldeggiato il suo impiego in società.

La proprietà inoltre, dopo le uscite di Leonardo, Gennaro Gattuso e Boban, non vorrebbe nemmeno che il milanismo sia completamente azzerato. Ma queste premesse, da sole, non basteranno per convincerlo. Perché se aveva fatto un’eccezione con l’uscita di Leonardo, la separazione con l’ex Cfo ha lasciato parecchio il segno.

Nel frattempo Maldini sta bene. Guarito dal coronavirus, sta cercando di collaborare come tutti per una ripresa apparentemente normale. Il Dt sta pensando agli allenamenti da riprendere e al finale del campionato qualora dovesse riprendersi. Non sta pensando alla ferita lasciata dalla questione Rangnick che ha pubblicamente bocciato e le altre divergenze, ma arriverà anche questo momento. Ci sarà primo o poi un intenso faccia a faccia con Gazidis, dal quale poi emergerà verdetto finale anche sul futuro.

LEGGI ANCHE: SI’ AL MILAN, PRONTO IL PRIMO ACQUISTO!