Bisognava assolutamente vincere contro il Costa Rica e alla fine la vittoria è arrivata e con lei anche la fiducia nelle proprie capacità sia individuali che collettive. 3 a 0 è il risultato finale di una partita caratterizzata dall’estro di Messi che nelle prime due partite era stato messo sotto accusa, dagli addetti ai lavori, come principale colpevole di una debacle che , secondo il mio modesto parere ,  è da ricercare nel tour-de-force che anche i campioni come lui , devono affrontare tra campionato, Champions League, Coppe nazionali  etc.

Mettiamo da parte le polemiche e concentriamoci invece sulla partita.

Comincia alla grande il Costa Rica messo bene in campo da La Volpe,  a formare una vera e propria  diga contro la coppia Gago-Messi,  poi è solo Argentina che costruisce una quantità industriale di palle-gol  che Higuain e Aguero riescono a  sbagliare, mettendo a dura prova la tranquillità della “pulce”.

Bisogna attendere comunque i minuti di recupero del primo tempo per  assistere al vantaggio dell’albiceleste con il solito Aguero che appoggia in rete una respinta del portiere su  una violenta conclusione al volo di Gago.

La ripresa comincia con più scioltezza da parte di Messi & Co. che riescono prima a raddoppiare ancora con il “Kun” al 52esimo per poi archiviare la pratica  con Di Maria al 64esimo.

Aspettiamo, a questo punto,  la risposta del Brasile.

di Vincenzo Martusciello