Milan » calciomercato milan » Calciomercato Milan, Stefano Nava analizza la crisi rossonera a 360 gradi

Calciomercato Milan, Stefano Nava analizza la crisi rossonera a 360 gradi

 

MALAGA-MILAN CHAMPIONS LEAGUE ALLEGRI CALCIOMERCATO STEFANO NAVA / Altra deludente sconfitta in casa Milan quella incassata ieri sera in Champions League sul campo del Malaga. Per analizzare questa gara ma anche il grigissimo momento attraversato dal club di via Turati, Calciomercato.it ha intervistato in esclusiva l’ex difensore dei rossoneri, Stefano Nava, attualmente commentatore per ‘Sky Sport’.

Sulla sconfitta contro il Malaga: “Considerando il periodo che sta vivendo il Milan, quella contro gli spagnoli credo sia stata una buona gara. C’è stato un buon contenimento, mi ha soddisfatto lo sforzo dei calciatori nel tentare di applicare il nuovo sistema di gioco. Allegri mi ha shockato con questa decisione di puntare sulla difesa a tre, ha avuto coraggio. È un periodo sfortunato ma si deve insistere perché se ieri ci fosse stata più precisione nelle conclusioni, oggi parleremmo di un’altra partita e di un altro risultato“.

Sul futuro di Allegri, sempre più in bilico dopo i numerosi risultati negativi: “Responsabilità di Allegri per i risultati negativi? A Coverciano ci insegnano che il tecnico è responsabile di tutto…io però non posso pensare che questi giocatori non possano dare qualcosa in più sotto tutti i punti di vista. Come ho detto, ho già apprezzato molto quello che si è tentato di fare ieri. Allegri ha provato a dare un segnale. Giusto andare avanti con lui? Per ora sì, ma nel calcio contano soprattutto i risultati e se le cose non dovessero cambiare potrebbe davvero succedere di tutto. Il crocevia potrebbe essere la gara di domenica contro il Genoa“.

Ed infine ampia parentesi dedicata al calciomercato: “La rosa non è qualitativamente all’altezza della precedente ma non si può nemmeno fare un campionato anonimo come quello che si sta facendo. Il Milan è stato protagonista per tanti anni, ora si cerca un cambiamento per tornare ad esserlo in futuro. Certo, i tifosi speravano in qualcosa di diverso ma la crisi c’è per tutti. Ora bisogna soltanto lavorare per raddrizzare questa stagione. Magari si potrà apportare qualche correttivo nel mercato di gennaio. Manca qualità a questa squadra: non avevo mai visto Pazzini battere le punizioni e mi sembra assurdo che non ci sia uno specialista per i calci piazzati“.

Fabio Alberti – www.milanlive.it