Milan » calciomercato milan » Calciomercato Milan, Biondi su Diamanti: rossoneri in vantaggio…

Calciomercato Milan, Biondi su Diamanti: rossoneri in vantaggio…


Mercato News Diamanti Milan- Intervistato da Ilveromilanista.it, Stefano Biondi, giornalista sportivo de Il Resto del Carlino, ha parlato del mercato rossonero.

Biondi, per Diamanti il Bologna ha fissato il prezzo a 10 milioni di euro. Il Milan potrebbe proporre contropartite tecniche, giovani interessanti. Secondo lei Salamon, Gabriel o altri giocatori potrebbero interessare alla società rossoblù?

“Visto le qualità di Diamanti e il mercato attuale credo sia una valutazione corretta. Dopo aver ceduto Perez, se il Bologna cedesse anche Diamanti lo farebbe solo inserendo nella trattativa giocatori già fatti, certezze, non giovani da lanciare e su cui scommettere”.

Nocerino potrebbe essere una carta più interessante?

“E’ un bel giocatore, dopo la partenza di Perez sarebbe una pedina utilissima”.

La Juventus è avanti nella trattativa rispetto ai rossoneri?

“Direi il contrario: i rapporti tra il Bologna e la Juventus sono abbastanza freddi, ci sono state divergenze sull’utilizzo di Gabbiadini e di altri giocatori, questioni tecniche. E poi l’offerta di 3 milioni più Sorensen è assolutamente troppo bassa, molto lontana dai 10 milioni richiesti del club”.

In Nazionale con chi lega di più Diamanti?

“Buffon e Chiellini sono tra quelli che lo stimano e lo vorrebbero in squadra”.

Diamanti ha preferenze tra rossoneri e bianconeri?

“No, assolutamente no. Lui è di Prato e condivide con Allegri la passione per i colori del Livorno”.

È un talento molto ricercato da tutti gli allenatori.

“Il talento l’ha sempre avuto. Ora ha fatto il salto di qualità a livello mentale e ha una continuità straordinaria nelle sue prestazioni”.

Ci sono altri giocatori nel Bologna pronti per il salto in una grande?

“Taider è un centrocampista formidabile, molto duttile che può ricoprire più ruoli”.

Ci sono stati contatti tra Milan e Bologna per Diamanti?

“Galliani e Guaraldi si sono sentiti, non so chi abbia chiamato…”