Crudeli: “Al Milan servono altre fonti di ricavo”

tiziano crudeli

Il noto giornalista di fede milanista Tiziano Crudeli, intervistato da calciomercato.it ha provato a capire quali sono i limiti del Milan di quest’anno: “Io sono convinto che ci siano più componenti che hanno portato a questa situazione di classifica. Il Milan paga l’inesperienza di Pippo Inzaghi, i tanti infortuni, gli errori societari, perché non si è investito per comprare giocatori. Sono tutte situazioni che hanno creato un Milan assolutamente non competitivo ai massimi livelli. Uscire da questa mediocrità sarà difficile. Dietro l’angolo pare esserci un investitore, però nel momento in cui arriverà investitore troverà dei debiti che vanno tenuti presenti. Un passivo da 60 milioni, debiti da 250 milioni con le banche e poi la costruzione dello stadio che porterà altri 300 milioni. Quindi non aspettiamoci che l’investimento sia destinato solo a rinforzare la squadra”.

 

Crudeli ha poi detto la sua sulla possibile rivoluzione societaria: “Se arriva al momento giusto? Credo sia assolutamente necessario trovare altre fonti di ricavi perché quelli attuali non consentono di poter investire nel Milan e quindi trovare giocatori che siano in grado di far crescere questa squadra. Perché i ricavi sono anche strettamente legati ai risultati che la squadra dovrà e potrà ottenere nel prossimo futuro”.

 

Redazione MilanLive.it