Ely: “Felice del ritorno. Dobbiamo giocare da Milan”

Rodrigo Ely
Rodrigo Ely (foto acmilan.com)

Rodrigo Ely ha recuperato dalla frattura al quinto metatarso del piede sinistro ed è a disposizione di Sinisa Mihajlovic per le prossime partite del Milan. Il difensore italo-brasiliano nelle amichevoli estive e nelle primissime partite ufficiali era stato titolare al fianco di Alessio Romagnoli, ma poi ha perso decisamente posti nelle gerarchie dell’allenatore e dopo l’infortunio dovrà essere bravo a riguadagnarsi un po’ di spazio.

Il giocatore oggi è intervenuto ai microfoni di Milan Channel e ha rilasciato le seguenti dichiarazioni in merito alla sua situazione: “Sono molto contento di essere tornato in campo e di non aver avuto problemi fisici – riporta il sito ufficiale acmilan.com -. Sono molto felice perché giocare è quello che più mi rende felice. Sono disponibile al 100% ho lavorato bene per tornare in forma, il mister non mi ha mai fatto mancare la fiducia mi ha sempre detto di provare stima nei miei confronti. Ora spero di aiutare la squadra in questo finale“.

Rodrigo Ely ha successivamente parlato della squadra e dell’atteggiamento da tenere nei prossimi due mesi della stagione: “Servirà la concentrazione massima negli allenamenti per arrivare a queste partite, sappiamo che se giochiamo al nostro massimo possiamo mettere in difficoltà gli avversari. Dobbiamo concentrarci su noi stessi e poi i risultati sono una conseguenza. Dobbiamo giocare da Milan e imporre il nostro gioco, le nostre idee e quello che ci chiede il mister“.

Il difensore ex Avellino ha poi proseguito così la sua intervista: “Avevo già detto che eravamo un bel gruppo, ci siamo sempre aiutati a vicenda e penso che questo sia il cammino per migliorarsi e fare andare bene le cose. Ci troviamo tutti bene. Luiz Adriano è un giocatore che ha già fatto vedere il suo valore, è molto forte e penso ci darà una grossa mano. Il mio primo obiettivo è aiutare il Milan a raggiungere i propri obiettivi e poi se arrivassi in Nazionale sarei felicissimo“.

 

Redazione MilanLive.it