Josip Ilicic
Josip Ilicic (©getty images)

MILAN NEWS – Di questi tempi, con la squadra ancora in rodaggio che mantiene l’imbattibilità tra i pali, un pareggio così va più che bene. Il Milan si accontenta dello 0-0 di ieri sera in casa della Fiorentina, un match condizionato da diversi fattori. In primo luogo dal calcio di rigore fallito già nel primo tempo da Josip Ilicic, che spedisce sul palo la possibilità di cambiare le sorti dell’incontro. Per il resto è un monologo di possesso palla dei viola ed un Milan costretto ad agire in contropiede. Il pari a reti bianche diventa così l’unica soluzione.

Come scrive la Gazzetta dello Sport analizzando il match di ieri sera, il Milan di Vincenzo Montella è stato costretto a basarsi sulle ripartenze, nonostante la filosofia tattica del suo mister preveda tutt’altro. Ma una squadra formata da contropiedisti non può diventare improvvisamente un gruppo di palleggiatori sopraffini. Ecco perché i pericoli maggiori per la porta del rumeno Tatarusanu arrivano principalmente in spazi aperti, ma l’unico tiro in porta è una ‘telefonata’ di Mattia De Sciglio nel primo tempo. E pensare che nel finale il contatto Tomovic-Luiz Adriano, ignorato dall’arbitro, poteva portare una beffa clamorosa ai danni della Fiorentina.

Un match dunque tirato e condizionato dall’errore di Ilicic, mentre il Milan ha preferito difendersi, anche con cambi contenitivi, prendendosi un punto che al momento portano la squadra di Montella in una discreta posizione di classifica. Aver tenuto la porta inviolata per tre match di seguito inoltre è una piccola vittoria dalla quale ripartire con fiducia.

https://www.youtube.com/watch?v=Lga3kRpKXjY

Redazione MilanLive.it