Pasquale Campopiano
Pasquale Campopiano (foto Facebook)

MILAN NEWS – Il Milan ha comunicato ufficialmente la convocazione delle assemblee per l’1 e il 3 marzo prossimo. La Gazzetta dello Sport ha pubblicato la nota ufficiale, in cui è stata riportata anche una parte straordinaria dove vengono citate le modifiche all’articolo 6 dello statuto sociale in materia di clausola di gradimento.

Pasquale Campopiano, tramite il proprio blog, ha voluto chiarire questo punto della nota. Secondo il giornalista, si tratta di una formalità, ma comunque significativa. L’articolo 6 dell’attuale statuto del Milan recita: “Qualsiasi cambiamento di controllo di proprietà che comporta l’ingrasso di nuovi soci deve essere approvato con una clausola di gradimento dal cda in carica”. I cinesi hanno quindi chiesto e ottenuto da Fininvest di eliminare questa clausola di gradimento per evitare qualsiasi tipo di ostacolo per il closing.

I tifosi si chiedeva se poi Adriano Galliani e Barbara Berlusconi, cioè l’attuale CdA rossonero, avrebbero potuto in qualche modo ostacolare l’operazione esprimendo un parere non favorevole. Ma, come fa notare il giornalista, questa era un’ipotesi da escludere a priori: se fosse capitato, Fininvest sarebbe risultata inadempiente, quindi avrebbe dovuto rimborsare ai cinesi 400 milioni, i 200 delle due caparre e altri 200 di penale.

Questa comunque si tratta di una formalità molto importante, perché i cinesi hanno chiesto rassicurazioni in tempo utile: stavolta tutto è stato calcolato nei minimi dettagli per arrivare al closing entro la data stabilita. Insomma, per il momento i colpi di scena sembrano esclusi. La cessione è sempre più vicina.

 

Redazione MilanLive.it