Alessio Romagnoli Gonzalo Higuain
Alessio Romagnoli e Gonzalo Higuain (©Getty Images)

Un tempo le sfide tra Juventus e Milan erano un classico scontro diretto per lo Scudetto, ma oggi è diverso. Tra le due squadre ci sono 17 punti di differenza: i bianconeri sono primi, mentre i rossoneri sono settimi. Eppure la Vecchia Signora, nonostante giochi nel proprio quasi inespugnabile fortino di Torino, non si sente sicura.

La Gazzetta dello Sport, infatti, evidenzia che i precedenti in stagione hanno fatto della formazione di Vincenzo Montella una sorta di ‘bestia nera’ per i rivali juventini. All’andata in campionato e in Supercoppa Italiana è stato il Milan ad avere la meglio, mentre in Coppa Italia a spuntarla è stata la Juventus. Questa sera ci sarà l’atto IV e i padroni di casa avranno la possibilità di pareggiare i conti sul 2-2 delle sfide stagionali. Di fronte ci sarà comunque un avversario determinato a fare risultato, visto che è in piena lotta Europa League.

Il quotidiano sportivo nazionale scrive anche che c’era un tempo in cui Silvio Berlusconi spendeva e spandeva per assicurare alla squadra rossonera campioni in ogni ruolo, mentre oggi il valore dell’organico è circa la metà di quello bianconero. Inoltre anche a livello di fatturato c’è grosso divario tra i due club. La Juventus ha fatto passi da gigante, seppur rimanga distante dalle big europee. Il Milan, invece, senza Champions League ha progressivamente visto ridurre i propri ricavi.

Questa sera a Torino sarà ancora Davide (Milan) contro Golia (Juventus). Un match non scontato, anche se i bianconeri in casa sono quasi imbattibili (ultima non vittoria il 23 settembre 2015, Juventus-Frosinone 1-1) Però Allegri non si fida dei ragazzi di Montella, che in questa annata hanno dimostrato di non mollare mai e di crederci anche nei momenti più complicati.

 

Redazione MilanLive.it