Bonucci: “Milan? Non ero lucido, ma sono cresciuto”

Leonardo Bonucci
Leonardo Bonucci (©Getty Images)

NEWS MILAN – Soltanto un anno è durata l’esperienza al Milan di Leonardo Bonucci. Non ha lasciato un gran ricordo di sé. Anzi, la tifoseria lo considera uno dei peggiori capitani della storia rossonera.

In effetti arrivò fra l’entusiasmo generale, promettendo di diventare leader e trascinatore della rinascita. Invece dopo soli dodici mesi è tornato sul carro dei vincitori, lì dove la vita professionale è molto più semplice. Infatti anche gli stessi tifosi della Juventus non hanno preso di buon grado il suo ritorno: in molti ancora oggi ce l’hanno con lui per la decisione di lasciare la squadra e di trasferirsi a Milano. Insomma, un’esperienza dimenticabile per tutti.

In un’intervista rilasciata a ‘A raccontare comincia tu’, programma condotto da Raffaella Carrà, Bonucci ha toccato molti argomenti. Fra questi anche sulla sua esperienza al Milan: “Non ne potevo più e sentivo che mancava qualcosa. Poi ho capito che non ero lucido al 100%. L’anno al Milan mi ha fatto crescere, poi ho avuto la fortuna di potere tornare. Ogni viaggio finisce con il ritorno a casa“. Ogni volta che ha parlato del suo anno in rossonero ha provato il colpo ad effetto per convincere i tifosi della Juventus che ha facilmente dimenticato il rossonero. La realtà è che è stato tutto il mondo milanista a dimenticarlo molto in fretta.

 

Redazione MilanLive.it