Milan-Atalanta 2-0, le pagelle: Leao decisivo, Theo Hernandez come Weah

Milan-Atalanta 2-0, le pagelle: Leao segna e decide, Theo Hernandez vola e chiude il match. Maignan salva il risultato, Kalulu è un muro

Primo tempo bloccato in scena a San Siro. Il Milan rimane chiuso in fase di impostazione e dopo una partenza convincente nella fase centrale dei primi 45 minuti. L’Atalanta prova a spingere con Muriel, che conclude dalla distanza ma trova Maignan. Anche i rossoneri provano qualche tiro da fuori area, ma senza mai creare pericoli concreti. Qualche imprecisione di troppo in mezzo al campo da una parte e dall’altra, partita molto in equilibrio.

Milan-Atalanta
Milan-Atalanta (LaPresse)

Il Milan costruisce in ripartenza il gol del vantaggio, in un secondo tempo che rischiava di prendere la stessa piega della prima frazione. Pioli interviene sul match inserendo Messias e Rebic, ed è proprio il brasiliano che fornisce l’assist. Leao in campo aperto su lancio lungo si porta avanti il pallone di testa e infila Musso sotto le gambe. Nel momento in cui l’Atalanta si prepara all’arrembaggio Theo Hernandez colpisce come un fulmine a ciel sereno. Il francese fa 70 metri palla al piede alla sua maniera, si presenta al limite e mette dentro il suo gol più bello e forse il più importante con la maglia rossonera. Tanto sacrificio e applicazione nel difendere il risultato nei minuti finali, ma il Milan porta a casa ancora i tre punti con il 2-0 finale.

 

Milan-Atalanta, le pagelle

Maignan 7,5: Si fa trovare pronto sulla conclusione dalla distanza di Muriel, miracoloso su Zapata da dentro l’area di rigore.

Calabria 6,5: Bene in fase di copertura, qualche errore in impostazione nella zona centrale del campo (Florenzi 78′ sv).

Kalulu 8: Impeccabile su Muriel, monumentale nella marcatura su Duvan Zapata. Il centrale non concede praticamente nulla al colombiano, nonostante il suo strapotere fisico.

Tomori 7: Prezioso sia a difesa schierata che nel togliere profondità con le sue corse all’indietro. Grande gara in tandem con Kalulu.

Theo Hernandez 8: Concentrato in ripiegamento, stavolta rimane bloccato in costruzione partendo dal basso nel primo tempo. Il gol del 2-0 che chiude la partita è un capolavoro.

Tonali 6,5: Ancora con il compito di inserirsi, lascia l’impostazione a Calabria sulla zona di campo destra. Si sacrifica nel recupero palla e ci mette la solita intensità (Bennacer 62′ sv).

Kessie 7: A tratti sembra essere tornato il trascinatore della scorsa stagione. Negli ultimi 20 minuti di gara è una diga, e si prende anche la standing ovation del pubblico, meritata.

Saelemaekers 6: Prova spesso a rendersi pericoloso. Qualche surplus di troppo ma anche diversi cross per i compagni (Messias 54′ 6,5: entra bene, corre tantissimo, si batte e fornisce l’assist per l’1-o appena entrato).

Krunic 6,5: Alterna errori banali a buone giocate, si sacrifica in ripiegamento ed è fondamentale in una serie di chiusure difensive delicatissime nel secondo tempo (Bakayoko 78′ sv).

Leao 7,5: Nel primo tempo non riesce mai a puntare gli avversari, che gli lasciano poco campo. Finalmente nella seconda frazione al portoghese riesce l’attacco alla profondità, e al primo affondo colpisce sbloccando il match. Ancora decisivo.

Giroud 6: Poco servito in area, non riesce mai trovare la lucidità per palleggiare di sponda con i compagni (Rebic 54′ 6,5: aumenta la pericolosità degli attacchi del Milan col suo ingresso, sfiora anche un gran gol sul finale).