Il Milan ci crede ancora: è lui il dopo Kessie

Il Milan non molla: è lui il profilo giusto per rafforzare il centrocampo. Yacine Adli e Tommaso Pobega non possono bastare. Serve l’erede di Kessie

Non è ancora finita. Il Milan ci crede ancora. Il giocatore può rappresentare il colpo per il centrocampo. I prossimi giorni saranno importanti per capire se i rossoneri sono davvero in corsa.

Franck Kessie
Franck Kessie (©LaPresse)

Stiamo parlando di Renato Sanches. Il centrocampista sembrava destinato a vestire la maglia del Diavolo. Accordo trovato sui 4 milioni di euro e una cifra vicina ai 15-18 milioni di euro destinata al Lille. L’affare però non è andato in porto per le note vicende societarie.  Le firme di Paolo Maldini e Frederic Massara sono arrivate solamente il 30 giugno e questo ha certamente rallentato gli affari.

Il Diavolo è chiamato a rincorrere sul mercato ma Stefano Pioli si è mostrato sereno ed ottimista. Si fida ciecamente dei suoi dirigenti e sa che arriveranno i colpi giusti per rafforzare la squadra.

A centrocampo c’è curiosità di scoprire Adli. Il francese è stato l’osservato speciale di ieri. Non è ancora chiaro quale sarà il suo ruolo. Pioli ci lavorerà tanto, è intelligente e darà certamente una mano importante al Milan. Lo farà anche Tommaso Pobega.

Senza Franck Kessie sarà fondamentale la sua fisicità. Il giovane italiano è cresciuto molto, lavorando con Ivan Juric e finalmente è pronto a rimanere agli ordini del mister.

Ancora il primo nome

Per sopperire all’assenza dell’ivoriano si prenderà comunque un altro centrocampista. Magari con caratteristiche diverse, magari un un incursore che sappia segnare ed essere pericoloso in avanti. Il nome di Renato Sanches resta in cima alla lista. Come detto, la speranza di acquistarlo resta viva, anche perché il Psg non ha ancora presentato un’offerta al Lille. La certezza è che il portoghese cambierà aria.

L’idea di raggiungere Campos e Galtier, gli uomini che più di tutti lo hanno fatto crescere, è tanta ma il club transalpino è andato deciso su Vitinha, portandolo subito sotto la Torre Eiffel. Cosa che non è ancora successa con Renato Sanches.

Finché dunque sarà possibile mettere le mani sull’ex Bayern Monaco, il Milan ci proverà. Si penserà alle alternative solo successivamente.