Ancora non ci siamo

SUPERCOPPA ITALIANA, MILAN-INTER, I PRIMI 45 MINUTI 0-1 – Una grandissima aggressività da parte di entrambe le squadre fin dai primi secondi di gioco, la tensione è alta e Rizzoli viene spesso tirato in causa. Al quarto minuto Sneijder va alla bandierina per il primo calcio d’angolo della partita ma niente di fatto. L’Inter pressa molto alto, cercano di prendere le redini del gioco e far ballare i rossoneri, Allegri a bordo campo rimprovera molti suoi giocatori in maniera abbastanza energica, devono riuscire a rimanere calmi e giocare di più. Sneijder si sta dimostrando uno dei giocatori più pericolosi della formazione nerazzurra, va tenuto sotto controllo e frenato per non rischiare il tiro improvviso. Straordinaria opportunità creata da Robinho e Ibrahimovic ma Robinho non riesce a trovare la porta, siamo solo al 7′ e l’ambiente è già molto carico. Altra bella aziona creata da Alvarez per Obi, Nesta non riesce a fermarlo ma Van Bommel si inserisce in difesa e la deviazione è provvidenziale. I ragazzi rossoneri devono trovare il ritmo giusto per non rimanere spiazzati dalle ripartenze nerazzurre, la partita è molto molto vivace e si prospetta un grande spettacolo. Il nigeriano Obi si sta mettendo in risalto per doti tecniche non indifferenti, si è inserito perfettamente nella squadra. In Milan deve reagire, al 16′ Seedorf batte il calcio di punizione dai 35 mt. ma batte troppo lungo e Ibrahimovic non ci arriva. I rossoneri continuano a faticare, non trovano lo spazio per le azioni, perdono spesso palla mentre l’Inter attacca in tutti i settori, con molta velocità e una condizione fisica generale dei giocatori molto alta. Il gioco fatica a spingersi oltre la metà campo rossonera, la difesa nerazzurra si fa sempre più alta e il pressing aumenta. Molto buona la prestazione di Abate sebbene sia stato influenzato fino al 3 agosto. Al 20′ Gattuso viene ammonito per fallo su Alvarez, un fallo non cattivo ma il giallo non è stato eccessivo. Gattuso commette un altro brutto fallo su Obi al limite della propria area di rigore e i nerazzurri chiedono l’espulsione, si scalda l’ambiente, interviene anche Boateng  ma Rizzoli assegna un semplice calcio di punizione a favore dell’Inter. Batte Sneijder, un impatto perfetto e Abbiati non può fare niente per impedire il primo gol della partita, siamo al 23′. Massimiliano Allegri è molto perplesso e sconcertato, i ragazzi non stanno giocando con la giusta intensità e non riescono a mettere in scena le azioni giuste, l’ordine tattico dell’Inter è decisamente superiore, non si può far altro che riconoscerlo. Ibrahimovic al 26′ cerca un’azione in solitaria pressato dall’intera difesa nerazzurra e viene fermato senza difficoltà. Sembra che il gioco si sia leggermente mitigato ma è solo una sensazione momentanea. Thiago Silva commette un altro brutto fallo su Eto’o ed è di nuovo calcio di punizione, dalla distanza, a favore dell’Inter. I ragazzi sembrano già un po’ provati dal gioco sebbene non sia ancora scoccata la mezzora di gioco. Il Milan si muove davvero poco, i passaggi sono troppo prevedibili e l’Inter non sbaglia, devono muoversi di più, passaggi bassi, palla a terra e ridurre i traversoni; anche le ripartenze sono troppo lente e i nerazzurri fanno in tempo a rientrare mettendo nuovamente in difficoltà i rossoneri. L’unico che pare essere veramente in forma è Ibrahimovic ma purtroppo non può fare tutto da solo, Robinho sbaglia un passaggio in area e la palla finisce persa a fondo campo. L’Inter rimane molto sotto la porta avversaria e cerca la conclusione, Abbiati è sempre presente e impedisce la realizzazione di altri gol ma i ragazzi in campo sembrano non trovare sé stessi. Provano a stringere i reparti e velocizzare i passaggi, riescono ad arrivare sotto porta con Ibrahimovic e Boateng grazie a un crosso perfetto di Abate, il Prince rossonero non arriva sulla palla ma alle sue spalle Ibrahimovic colpisce perfettamente di testa, il palo si mette in mezzo e nonostante Julio Cesar non fosse in linea con il tiro il pareggio non arriva. I ragazzi si stanno svegliando dal torpore iniziale, siamo al 42′. Un bruttissimo fallo di Chivu su Boateng, proprio nell’ultimo minuto di gioco del primo tempo, Rizzoli fischia il calcio di punizione per il Milan, Batte Seedorf dal limite dell’area ma batte male e il pareggio non arriva. Il primo tempo finisce 0-1 ma il Milan ha ritrovato sé stesso.

Arianna Forni, Direttore – www.milanlive.it