Milan » Milan News » Pre Inter-Milan, Allegri: chi sarà in testa domani sera avrà vinto il campionato

Pre Inter-Milan, Allegri: chi sarà in testa domani sera avrà vinto il campionato

PRE INTER-MILAN, ALLEGRI – Ecco le dichiarazioni del Mister in conferenza a Milanello prima di un derby davvero fondamentale per l’assegnazione dello scudetto 2012: “Non so che Inter ci sarà domani, ma saranno molto offensivi anche per i giocatori che scenderanno in campo, è un derby e come tale è una partita difficile e strana, noi abbiamo un unico risultato, dobbiamo comunque giocare con equilibrio, loro hanno molte motivazioni così come le avrà il Cafgliari, noi siamo quelli che devono avere le motivazioni più alte. Bisogna fare una partita diversa, sarà diversa anche rispetto a mercoledì, le motivazioni contro l’Atalanta sono state alte nonostante fosse difficile pensare che pareggiassero, il calcio è bello anche per questo, chi sarà in testa domani sera avrà vinto il campionato. Dobbiamo vincere per forza. Sono stati giorni diversi rispetto a prima di mercoledì, siamo a un punto e dobbiamo affrontare un derby, la possibilità di superare la Juve sono aumentate ma è chiaro che devono sbagliare ancora. Dobbiamo crederci e sperare che a Trieste la Juventus non batta il Cagliari, comunque all’ultima giornata sarà ancora aperto anche se credo che l’ultima non cambierà niente. Credo che essere a un punto dalla Juve a 2 giornate dalla fine dopo tutto quello che abbiamo passato possiamo dire che i ragazzi abbiano fatto grandi cose ma aspettiamo domani a tracciare linee nette. Da oggi si comincia a entrare nella partita di domani, le qualità di questa squadra sono tante e ottime, dobbiamo affrontare il derby con la consapevolezza di poter vincere ma dobbiamo stare calmi, chi ha da perdere è solo la Juventus. Ovrà essere una partita migliore sotto l’aspetto tattico rispetto a quella con l’Atalanta, sia in fase offensiva che difensiva e l’Inter non va sottovalutata. Robinho lo valuterò oggi, Cassano sta bene, El Shaarawy è in grande forma e lo dimostra ogni giorno in allenamento, dovrò decidere, tra Siena e Atalanta non avremmo sperato di riaprire il Campionato. Domani sarà una bella serata da giocare e da vivere, è la serata più importante della stagione. De Sciglio mercoledì ha fatto molto bene ma domani giocherà Abate, ha sbagliato contro Milito ma non è un errore che determina il mio cambio di fiducia nel giocatore. Siamo a un giorno dalla fine della stagione, lo dico con tutta serenità ma credo davvero che domani sera sapremo chi ha vinto il campionato, diciamo al 99%, non parliamo del gol di Muntari, non voglio diventare noioso, ho già annoiato tanta gente, evidentemente sto invecchiando, non ero così noioso una volta. Avessimo vinto lo scontro diretto adesso sarebbe uno scontro tra noi e loro, così dobbiamo aspettare che sbaglino. Una stagione non può essere valutata su un punto in più o in meno, magari domani sera la stagione si chiuderà benissimo, magari pari, speriamo di no altrimenti mi girerebbero un po’ le scatole. Per Delio Rossi dispiace molto di quello che è successo in campo ma ci vuole più rispetto anche da parte dei giocatori, c’è molta tensione, molto stress, qui si parla di uomini e di ragazzi ma la base di tutto dovrebbe essere educazione e rispetto, la società di oggi è molto cambiata, bisognerebbe tornare indietro e avere più rispetto. Thiago Silva non ci sarà, gioca Nesta e devo scegliere tra Bonera, Yepes e Mexes. Nesta sta bene. Non mi sono mai sentito sfiduciato, il dal Presidente ho sempre avuto sicurezze, è chiaro che la mia tensione derivava dalle partite perse, dal fatto che vedevamo sfuggire tutti i nostri obiettivi, i numeri dimostrano ancora che la Juve abbia fatto una grande stagione, a Conte i complimenti li faccio comunque, sono i favoriti e il lavoro di Conte ha portato grandi risultati, è stato comunque un grande campionato. Il Cagliari ha il dovere di fare il massimo anche perché hanno grandi motivazioni, sono salvi ma quando giochi queste sfide le motivazioni sono alte. Sono molto contento di Cassano, deciderò se portarlo da primo minuto o in panchina. Non ho sentito nessuno del Cagliari anche perché non vorrei mai essere frainteso, loro con il Presidente Cellino sono stati la mia fortuna”

 

Arianna Forni, Direttore – www.milanlive.it