CALCIOMERCATO MILAN SEEDORF – “Non mi fido per nulla delle dichiarazioni che ha rilasciato Mancini, possiamo parlare di tutto ma non di una visita di cortesia, perché non ci sono mai stati rapporti idilliaci. Non è stato certamente un alleato del Milan nell’operazione Tevez. Credo sia stato lì per trattare un giocatore e credo che sia Zlatan Ibrahimovic. Penso che l’operazione, nel caso, possa ricalcare quella dell’Inter con Ibra al Barcellona. Non è più impossibile una sua partenza. Da parte mia c’è la timida speranza che Mancini voglia rilanciare Pato, è sempre stato un grande estimatore del brasiliano, segnalandolo all’Inter prima che arrivasse al Milan. Ganso? L’anno scorso di questi tempi ci fu un incontro, ma la fumata fu nera e si decise di rinnovare il contratto a Seedorf. Ora Clarence è in Cina e non rinnoverà: al Milan erano e sono convinti che il dopo Seedorf si chiami Ganso. Ora la dirigenza rossonera ha la carta Robinho, che vuole chiudere la carriera al Santos, sarebbe una contropartita tecnica molto significativa”. Così ha parlato il noto Cristiano Ruiu, giornalista di Telelombardia, intervenendo presso gli studi di QSVS news.

La redazione di Milanlive.it