Milan News Maldini- L’ex capitano del Milan e della nazionale azzurra Paolo Maldini, intervistato da Reuters, ha commentato il declino del calcio italiano, utilizzando anche parole forti: “Nessuna squadra Italiana disputa semifinali europee, lultima fu l’Inter nel 2010. La sconfitta nel doppio confronto della Juventus contro il Bayern Monaco costringe quindi ad analizzare i motivi di un tale declino. Per competere con le grandi squadre d’Europa bisogna investire soldi, non c’è altro modo per raggiungere certi livelli. Negli anni 90′ avevamo sette grandi squadre: Milan, Inter, Juventus, Parma, Lazio, Roma, Fiorentina, nelle cui file militavano grandi giocatori in quantità ben maggiore di quelli che la serie A offre attualmente. Moratti, così come Berlusconi rappresentavano poi due famiglie che investivano in maniera continuativa laddove adessono trovano maggiore difficoltà. Fuori dallo stadio di San Siro si trova ancora chi vende merchandising contraffatto quando invece, in altre realtà europee tutto ciò che ruota intorno allo stadio è un budget volto a rimpinguare le casse della squadra. Gli stadi poi sono impianti troppo vecchi che necessitano di esserere totalmente rimodernati. Prima di tutto abbiamo bisogno di imparare da leghe che guadagnano soldi dallo sport piuttosto che perderne. Ognuno sta perdendo soldi nel calcio italiano, è pazzesco. Unico frangente positivo di questa crisi – ha poi concluso Maldini – è la rivalutazione dei settori giovanili, valorizzati così come non accadeva in passato”