Milan » Milan News » Milan, dettagli e retroscena sul futuro di Galliani e di Allegri

Milan, dettagli e retroscena sul futuro di Galliani e di Allegri

galliani-allegri

Gianluca Di Marzio, noto esperto di mercato, attraverso il proprio portale web ha rivelato alcuni dettagli e alcuni retroscena sul futuro di Adriano Galliani e Massimiliano Allegri: “Oggi, Barbara a Milanello per parlare con la squadra. E Galliani prima a Malpensa e poi in Scozia. Che siano separati in…società, ormai l’hanno capito anche i muri della nuova sede rossonera. Ma c’è di più. Quel famoso pomeriggio di Arcore (9 novembre), oltre ai sorrisi, ai baci, agli abbracci c’era stato anche il saluto. Commosso. Dopo 28 anni. Berlusconi salutava i cronisti, Galliani invece aveva salutato Berlusconi. O meglio gli aveva annunciato i saluti. Questione di pelle, questione di compatibilità tra lui e Barbara Berlusconi. Uno l’uomo di fiducia del presidente, l’altra la figlia. Già quel pomeriggio, quindi, passavano i titoli di coda. Galliani, insomma, disposto a dire addio sin da subito. Ma Berlusconi, Silvio, ha detto no. Perché il bene del Milan era ed è la cosa primaria. Quindi nessun nulla osta d’addio per Galliani. Almeno per adesso. Ma tra lui e Barbara le cose non sono mai andate. E non andranno. Ecco allora perché Galliani aspetta una telefonata, per sentirsi libero. Andrà via. Nessun dubbio. Resta da capire quando. Forse per dare il tempo a lady Barbara per capire meglio e ristrutturare. Magari anche sulla questione-panchina: Allegri può saltare davvero se perde in Scozia, Mangia e Inzaghi i primi nomi valutati. Il Milan aspetta una svolta, in un senso o nell’altro, dalla notte di Champions. Perché secondo gli spifferi di Milanello, anche la squadra risente di questa delegittimazione che vivono allenatore, amministratore delegato e ds. Allegri spera comunque di riprendersi il Milan in tempo, per poter poi recuperare gli infortunati (Elsha, Pazzini, De Sciglio) e puntare su Honda e Rami. Rigenerando anche mentalmente Balotelli, che non si allena bene e gioca poco per la squadra. Sembra un separato anche lui…