Milan » Milan News » Il padre di Gabriele Sandri: “Seedorf chi? Il Milan portò il lutto, lui si rifiutò. Non lo considero come persona”

Il padre di Gabriele Sandri: “Seedorf chi? Il Milan portò il lutto, lui si rifiutò. Non lo considero come persona”

A picture taken 14 November 2007 of a mu

Giorgio Sandri, padre di Gabriele, sul proprio profilo Facebook ha scritto: “Allegri sostituito sulla panchina del Milan da Seedorf… Seedorf chi?“.
Il signor Sandri non ha dimenticato. Era l’11 novembre 2007 e Gabbo era stato ucciso da poche ore. Molte partite furono rinviate e tra queste anche Atalanta-Milan. Clarence Seedorf prima dell’interruzione del gioco fu l’unico a non indossare la fascia nera in segno di lutto motivando così la sua scelta: “Non abbiamo indossato il lutto per la morte del fratello di Kaladze, non mi sembra giusto indossarlo per una persona che non conosciamo e che non sappiamo perché è morta“. In un’intervista successiva spiegò: “Non lo feci per mancanza di rispetto. Quando andammo in campo non sapevamo nulla: chi fosse, che cosa fosse successo. Niente. E se fosse stato un mafioso?“.
La famiglia Sandri ed i tifosi laziali non hanno mai perdonato Seedorf per questo comportamento. Su Facebook si sono scatenati i fans della Lazio ed il padre di Gabbo si è sfogato: “Ho sentito la notizia dell’arrivo di Seedorf, è stato un raptus di rabbia. Il Milan portò il lutto, lui si rifiutò. E’ stato un campione, ma non voglio considerarlo come persona. Sensibilità zero“.

Redazione Milanlive.it