Milan » Milan News » Milan, Seedorf studia una difesa alla ‘francese’. Mexes e Rami insieme come in Nazionale

Milan, Seedorf studia una difesa alla ‘francese’. Mexes e Rami insieme come in Nazionale

Mexes e Rami

Mexes e Rami

Allenamento sotto la pioggia per i rossoneri, che continuano a preparare la trasferta di Napoli. Il bilancio del Milan lontano da San Siro è negativo: finora solo due vittorie, a Catania e Cagliari, una con Allegri e l’altra con Seedorf. Per il nuovo allenatore scelte obbligate soprattutto in difesa: gli infortuni di Zapata e Silvestre (nessuno dei due recupererà per la prossima partita) e la squalifica di Bonera costringeranno Seedorf ad affidarsi alla coppia tutta francese formata da Rami-Mexes. Chissà se giocare con l’amico e connazionale diventerà uno stimolo in più per Mexes, finito in panchina nelle ultime quattro partite. Da valutare le condizioni di Birsa, che ieri ha lavorato a parte: l’esterno non è stato convocato per la gara interna con il Torino per un’infiammazione al tendine e i tempi di recupero sono ancora incerti. A parte i difensori ed El Shaarawy, gli altri sono tutti a disposizione. Compresi gli ultimi arrivati Taarabt (che verrà presentato oggi a Milanello) ed Essien. Potrebbe essere proprio il ghanese una delle novità della formazione anti-Napoli. Clarence l’ha voluto soprattutto in prospettiva Champions, visto che nella gara d’andata contro l’Atletico mancheranno sia Montolivo sia Muntari, con il Toro l’ha lasciato in panchina spiegando che con lui bisogna usare tutte le cautele del caso (Essien ha avuto molti infortuni alle ginocchia), ma conta di inserirlo il prima possibile, anche per dargli il tempo di entrare nei meccanismi della squadra prima dell’esordio in Coppa. A proposito di Champions, ieri Christian Abbiati ha detto la sua a Milan Channel : «L’Atletico Madrid sta facendo benissimo, io speravo di incontrarlo solo per una questione di affetto. Sono i più in forma d’Europa, riescono a tenere un ritmo molto alto per tutta la partita. L’impatto di Seedorf è stato ottimo, ho giocato tanti anni con lui e lo conosco bene. Stiamo cercando di risalire dopo un girone d’andata pessimo. Il mister ha portato idee nuove e un metodo di gioco diverso, ma non è facile. Nelle ultime partite abbiamo fatto 7 punti, siamo in crescita. Con il Napoli sarà un test importante per vedere a che punto siamo».

Fonte: Gasport