Filippo Inzaghi
Filippo Inzaghi

Filippo Inzaghi ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport 24 dopo il big match tra Milan e Juventus a San Siro: “Speravo tanto di essere all’altezza di una squadra straordinaria, ma sono soddisfatto lo stesso, l’ho detto ai ragazzi. Abbiamo sei punti dopo 3 partite. Siamo partiti bene e potevamo essere in vantaggio con il colpo di testa e abbiamo avuto una buona reazione dopo il gol. Stiamo crescendo. La Juve? Abbiamo sofferto tanto, ma credevo che avremmo sofferto di più sapendo che sono una grande squadra, poi Tevez ha fatto un gol straordinario. Onore alla Juventus, ma noi abbiamo fatto una buona prestazione. Cosa ha la Juve più di noi? Ha fatto gol e poi ha dei grandi campioni, la partita si stava un po’ spegnendo poi il gol l’ha cambiata”.

 

Sul rendimento dei suoi ragazzi stasera si è così espresso: “Sono contento di sapere che tutti sono delusi da questo risultato, vuol dire che ci ritenevano all’altezza della Juve, ma non dimentichiamoci che l’anno scorso ci hanno dato quasi 50 punti. Noi come la Juve? Dobbiamo essere realisti, altrimenti vendiamo fumo. Io sono ambizioso e quando scendo in campo me la gioco, oggi sarebbe potuta anche finire diversamente, ma dobbiamo essere realisti. Comunque sono convinto che se continuiamo così potremo toglierci diverse soddisfazioni”.

 

Pippo sente la mancanza dell’Europa, ma cerca di vederci il lato positivo: “Ci spiace essere fuori dalle coppe, ma almeno possiamo preparare bene le partite, basta pensare alla prestazione di Zapata e Rami contro l’attacco della Juventus, non hanno sbagliato niente, poi è stato bravo Tevez. Abbiamo giocato questa partita cercando di ripartire, di essere veloci. Poi anche gli episodi hanno deciso la partita, speriamo di tornare presto ai vertici, lo ripeto. Noi ci crediamo”.

 

Infine un commento sul centrocampo: “Devi cercare di mandare le mezzali in area con 4-3-3, soprattutto se giochi con il falso nueve come noi con Menez. Cerchiamo di fare il possibile insomma, poi ci sono anche gli avversari e bisogna rendere merito anche alla loro forza”.

 

Redazione Milanlive.it