Filippo Inzaghi (Getty Images)
Filippo Inzaghi (Getty Images)

Consueta conferenza stampa per Filippo Inzaghi alla vigilia del big match di San Siro del Milan contro la Roma. Il mister ha esordito parlando proprio della difficile sfida di domani: “Dobbiamo pensare solo al presente, abbiamo un partita molto importante. Dobbiamo finire a testa alta questo campionato. E’ una gara complicata e affascinante dobbiamo cercare di avere lo spirito giusto, che abbiamo avuto in campo a Napoli. La partita d’andata era stata giocata molto bene, hanno il centrocampo forse più forte d’Italia. Dobbiamo stare compatti e giocare da squadra, come a Napoli. Per battere la Roma ci vuole una partita quasi perfetta e speriamo di farla. Io guardo partita per partita“.

 

Sull’atteggiamento che devono tenere i ragazzi si è così espresso: “Io preparo la partita come se fosse la più importante da giocare. Per me allenare il Milan e per i giocatori indossare questa maglia dev’essere motivo per dare il meglio. La squadra lavora bene, ma è vero che la risposta più bella dev’essere sul campo. Contro la Roma è sempre una partita speciale e mi auguro una bella risposta“.

 

Per quanto concerne i possibili sviluppi dal punto di vista societario la sua posizione è molto chiara: “Adesso parlare del Milan del futuro non mi interessa. Quando si ha un presidente come Silvio Berlusconi si è in una botte di ferro perché ha a cuore il bene del Milan. Io sono molto fortunato e felice e non sono assolutamente stanco. Un allenatore deve pensare al gruppo e al bene del gruppo. Dobbiamo avere uno spirito da squadra e domani guarderò a quello“.

 

Pippo ha poi proseguito: “Quando indossi la maglia del Milan la motivazione la devi avere già di per sé. Mi dispiacerebbe molto se qualcuno credesse che sia già finita, anzi molti si devono tenere stretta la maglia del Milan, quindi la motivazione c’è. Chi veste la maglia del Milan deve cercare di onorarla sempre. Credo che anche giocando a volte non bene abbiamo dato tutto quello che avevamo“.

 

Sulla formazione Inzaghi ha rivelato quanto segue: “Davanti vedremo, sicuramente giocherà uno tra Destro e Pazzini e oggi deciderò. Credo che Van Ginkel giocherà, valuterò, perché a centrocampo siamo contati, ma abbiamo la fortuna di avere dei giovani della Primavera che sono ragazzi preparati. Honda è pronto, si è allenato bene, in quel settore abbiamo l’imbarazzo della scelta e vedremo se potrà partire dall’inizio“.

 

Fonte: acmilan.com