Silvio Berlusconi e Mister Bee Taechaubol (foto dal web)
Silvio Berlusconi e Mister Bee Taechaubol (foto dal web)

Il ‘closing’ ancora non è arrivato, perché mancano ancora alcuni passaggi e garanzie finanziarie, ma le firme sono davvero ad un passo. Non può più tornare indietro Bee Taechaubol, la trattativa con il Milan è troppo ben delineata per essere stracciata; così come non può fare retromarcia Fininvest, con Silvio Berlusconi sempre più convinto di questa cessione di quote al broker thailandese. E ieri ad Arcore, a casa del Cavaliere, è andato in scena un appuntamento importantissimo.

 

Come riporta la Gazzetta dello Sport, Mr.Bee è stato invitato intorno all’ora di pranzo alla residenza di Berlusconi, con la presenza della figlia Barbara e di alcuni vertici Fininvest. La decisione è stata presa all’unanimità: la stesura di un patto vincolante che ‘costringe’ le parti ad un’esclusiva assoluta per l’accordo ed anche a rispettare le tempistiche per le firme sul passaggio del 48% delle quote Milan da Berlusconi a Bee. Un’atmosfera serena che ha aiutato la formalizzazione di questo pre-accordo, che per l’appunto anticipa il tanto atteso closing.

 

Il prossimo passo dovrebbe essere rappresentato dalle firme sull’accordo entro il 5 agosto, giorno in cui Bee Taechaubol volerà nuovamente verso Bangkok; possibile l’inserimento di una sorta di caparra come garanzia finanziaria, mentre per il passaggio definitivo delle quote bisognerà ancora attendere tra le 3 e le 6 settimane. Staccato il bonifico il Milan comincerà a guardare verso Oriente, e non solo per la tournée in Cina.

 

Redazione MilanLive.it