Galliani, ecco la replica: “Paletta? Se non l’avesse preso il Milan…”

Adriano Galliani (Getty Images)
Adriano Galliani (Getty Images)

Una breve battuta per discolparsi dalle recenti clamorose accuse; Adriano Galliani è al centro delle polemiche e delle voci per via della notizia lanciata ieri dalla Gazzetta di Parma, secondo cui l’amministratore delegato rossonero si sarebbe macchiato di aver peggiorato ed approfittato della situazione critica del club emiliano lo scorso gennaio, quando acquistò Gabriel Paletta ad una cifra fuori mercato e dunque sarebbe finito nel mirino degli inquirenti.

 

Galliani indagato nel Crac Parma, al pari di personaggi molto più addentro alla questione, come l’ex presidente Tommaso Ghirardi e il dirigente Pietro Leonardi, indicati come fautori di bancarotta fraudolenta del Parma calcio. Il Secolo XIX quest’oggi ha raccolto la breve ma significativa replica dello storico uomo-mercato del Milan, che si è discolpato così: “Irregolarità su Paletta? Se non l’avesse comprato il Milan a quelle cifre avrebbe fatto la fine degli altri calciatori del Parma, si sarebbe ritrovato svincolato e senza contratto, in una situazione di carriera piuttosto critica“.

 

Il costo del cartellino di Paletta fu valutato dal Milan e dal Parma intorno ai 2,5 milioni di euro; c’è da ricordare che all’epoca del trasferimento l’italo-argentino, che solo sei mesi prima era nella rosa della Nazionale azzurra, aveva totalizzato solo 7 presenze per via di un infortunio alla schiena che lo aveva fermano per circa tre mesi, rendendo il suo valore di mercato non proprio altissimo.

 

Redazione MilanLive.it