Cesare Prandelli (Getty Images)
Cesare Prandelli (Getty Images)

L’ex ct azzurro Cesare Prandelli è tuttora senza impiego, visto il recente fallimento dell’esperienza come allenatore del Galatasaray in Turchia. Ma non manca nel dare giudizi da osservatore esperto sul calcio italiano odierno e sul campionato in corso, che vede grande incertezza nelle zone alte di classifica. Interpellato oggi dalla Gazzetta dello Sport, Prandelli ha parlato di tutte le squadre più importanti della A.

 

Nonostante le sue favorite per il titolo siano altre, l’ex ct ha elogiato i progetti futuri del Milan di Silvio Berlusconi: “Deluso dal Milan? Al contrario, quello dei rossoneri è il progetto tecnico che preferisco, hanno ottime idee improntate sui giovani e per di più quasi tutti italiani. Sinisa Mihajlovic è un buon tecnico, non ha però alle spalle la base vincente lasciata per esempio alla Fiorentina da Montella, alla Juventus da Conte o al Napoli da Benitez. C’è ancora un po’ di confusione e serve pazienza, ma le potenzialità sono davvero belle“.

 

Un pensiero immancabile su Mario Balotelli, talento del Milan che Prandelli riuscì a far sbocciare seppur solo momentaneamente in azzurro: “Non lo sento da molto tempo, ma non ho mai pensato fosse un sopravvalutato. Basta vedere come calcia da fermo, come protegge il pallone, come si sa coordinare. Ha potenzialità da big, può ancora entrare fra i primi 5 calciatori al mondo, ma forse è una cosa che non gli interessa più“.

 

Redazione MilanLive.it