Keisuke Honda
Keisuke Honda (Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – Fra i tanti calciatori scontenti in casa Milan, c’è anche Keisuke Honda. Il giapponese sembrava il trequartista perfetto nel 4-3-1-2 di Sinisa Mihajlovic, e invece non ha mai convinto nessuno: né il tecnico, né tanto meno di tifosi, che gli hanno riservato qualche fischio varie volte. Addirittura l’ex allenatore della Sampdoria è stato costretto a cambiare modulo, vista l’assenza in rosa di una mezza punta di livello, passando al 4-3-3 e affidandosi ad Alessio Cerci a destra. Honda gioca poco, pochissimo: Mihajlovic lo manda in campo spesso e volentieri negli ultimi minuti della partita, quando il risultato è già deciso.

 

Calciomercato Milan, Honda e quelle parole mal digerite

Gennaio si avvicina, e quindi anche la sessione inverale di calciomercato. Adriano Galliani, in una recente intervista, aveva smentito la richiesta di cessione da parte di Honda. Ma le cose non sono cambiate, e ora l’aria di addio si fa sempre più pesante: secondo l’edizione odierna di Tuttosport, la rottura fra il giapponese e Mihajlovic è definitiva: lo stesso tecnico, nella conferenza stampa pre-Atalanta, non gliele aveva mandate a dire.

Inoltre l’allenatore del Milan non ha proprio digerito le dichiarazioni di Honda alla vigilia del match fra Giappone e Cambogia: l’ex CSKA, infatti, aveva parlato della sua non abitudine a stare in panchina. Parole che non sono state ben accolte nei pressi di Milanello e che non fanno altro che alimentare le varie voci di calciomercato.

I rossoneri si dividono fra: la possibilità di fare una buona plusvalenza (Honda è arrivato al Milan a parametro zero), anche perché il giocatore di mercato ne ha eccome. Dall’altra, però, c’è la questione marketing: il trequartista nipponico è fondamentale per gli affari asiatici della società milanista. La situazione, dunque, è ancora tutta da valutare. Per avere le idee più chiare, bisognerà aspettare le prossime settimane. Fatto sta che Honda non è più al centro del progetto tecnico. Il suo futuro potrebbe essere in Premier League, dove alcune società si sono fatte avanti.

 

Redazione MilanLive.it