Mario Balotelli e Jeremy Menez
Mario Balotelli e Jeremy Menez

Non sappiamo quando la loro presenza avrebbe potuto cambiare le sorti del Milan in campionato, ma sicuramente le loro qualità sarebbero state di aiuto a Sinisa Mihajlovic e ai compagni. Parliamo di Jeremy Menez e di Mario Balotelli, assenti da mesi e il cui rientro in campo è previsto per il mese di gennaio. Lo scrive il Corriere dello Sport. Il francese sembra aver risolto i problemi alla schiena che lo affliggevano e sta cercando di recuperare una forma fisica ideale che gli consenta di tornare a disposizione ed essere utile alla causa. Finora si è visto solo per uno spezzone di Coppa Italia contro il Perugia ad agosto, per il resto nessun’altra presenza in partite ufficiali.

Milan, i ritorni di Balotelli e Boateng

Balotelli ha collezionato quattro presenze, ma non gioca dalla sfida del 27 settembre a Marassi contro il Genoa. La pubalgia lo ha messo ko e costretto anche ad operarsi. Sembrava che potesse rientrare già nelle ultime partite del 2015, ma un attacco febbrile e la cautela voluta dallo staff medico rossonero hanno rinviato il suo rientro in campo a gennaio 2016. L’attaccante di proprietà del Liverpool dovrà lottare per un posto da titolare e anche per conquistare un posto tra i convocati della nazionale di Antonio Conte in vista del prossimo Europeo.

Un altro rinforzo sarà il ritorno di Kevin-Prince Boateng, già annunciato da Adriano Galliani. Il centrocampista ghanese da mesi si allena a Milanello ed è riuscito a convincere sia Mihajlovic che la società a dargli una nuova chance. La risoluzione del contratto che lo legava allo Schalke04 fino a giugno 2016 è già avvenuta e dunque al club di via Aldo Rossi non rimane che depositare il nuovo contratto, che dovrebbe avere la stessa scadenza di quello precedente con i tedeschi, per poi poter convocare il Boa in partite ufficiali. L’ex Portsmouth è un elemento duttile che può giocare in più ruoli, potrebbe rivelarsi prezioso. I tifosi hanno accolto con scetticismo la notizia del suo ritorno, ma il presidente Silvio Berlusconi sembra molto convinto della decisione presa e lo ha esplicitato di recente.

 

Redazione MilanLive.it