Milan, rebus Luiz Adriano. La Cina chiama ancora

Luiz Adriano
Luiz Adriano (©Getty images)

Una storia difficile da valutare, come un vortice di voci, emozioni, ripensamenti e dietrofront che gli stessi tifosi del Milan fanno fatica a capire se sia un bene o un male per la loro squadra. La parabola di Luiz Adriano da luglio ad oggi è molto strana e ripercorsa al dettaglio dalla Gazzetta dello Sport.

Il brasiliano, giunto al Milan in cambio di 8 milioni girati allo Shakhtar dopo il no ad un ricco club arabo, non è mai esploso definitivamente, restando quasi ai margini e meritandosi persino qualche critica per le prestazioni non continue e spesso poco incisive. Qualche gol importante, la fiducia dei tifosi che speravano in un elemento in crescita, poi l’improvviso stop: l’offerta monstre dei cinesi del Jiangsu Suning e tanti saluti a Milanello.

Ma il dietrfront a sorpresa di Luiz Adriano, per discordanze economiche, lo ha riportato a Milano, accolto come un nuovo acquisto con tanti bei paroloni come non fosse mai accaduto nulla. Ma il Luiz rientrato nei ranghi della squadra di Sinisa Mihajlovic non è più un titolare, non sfiora neanche il campo anche per alcuni problemi fisici e nel frattempo dalla Cina arriva pure la proposta del Beijing Guoan di Alberto Zaccheroni. Ora il numero 9 è al bivio: scegliere di nuovo i soldi facili di Pechino o restare a giocarsi le proprie carte, anche se la concorrenza al Milan è spietata con l’esplosione di M’Baye Niang e compagnia. Lo scopriremo solo vivendo.

 

Redazione MilanLive.it