Rudi Garcia (©Getty Images)
Rudi Garcia (©Getty Images)

Tanti, troppi dubbi intorno al Milan. La squadra è allo sbando e il deludente settimo posto in campionato, nonostante i milioni spesi nel mercato estivo, ha mostrato le numerose lacune della rosa. Anche dal punto di vista societario la situazione è parecchio nebulosa: Silvio Berlusconi è sempre indeciso se cedere o meno la società. Il primo passo avanti verso la cessione è stato fatto, con l’esclusiva alla cordata cinese per un mese. Ancora però siamo solo all’inizio e le sensazione dell’ex Cavaliere sono al momento orientate verso il rifiuto della possibile proposta d’acquisto della maggioranza da parte dei cinesi.

Un altro aspetto non meno importante che preoccupa, è quello legato all’allenatore. Mai come in questi ultimi anni al Milan si sono susseguiti così tanti tecnici: da Allegri a Seedorf, passando per Inzaghi e Mihajlovic. L’ultimo della lista è Cristian Brocchi, al quale è stata affidata la squadra per le ultime partite. Fallito l’obiettivo sesto posto, resta ancora da giocare la finale di Coppa Italia contro la Juventus. Le chance per i rossoneri sono al minimo storico. La prossima stagione, al di là di come possa andare la partita dell’Olimpico, potrebbe comunque avvenire un nuovo cambio d’allenatore.

Nelle scorse settimane era stato accostato il nome di Rudi Garcia per la panchina milanista. Il tecnico francese, esonerato qualche mese fa per far spazio al ritorno di Luciano Spalletti, non ha nascosto che il suo futuro potrebbe ancora essere legato alla Serie A. “Potrei tornare ad allenare in Ligue 1, ma potrei anche rimanere in Italia, certo più a nord di Roma”. Questo è quanto riferito in un’intervista ai connazionali di TF1.

Non nega però un approdo anche in altri campionati europei: “Potrei andare anche in Liga, Premier League e Bundesliga, mi vedo in uno dei principali campionati europei. Voglio lavorare in club con un progetto ambizioso”.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it