Andrea Barzagli Giacomo Bonaventura
Andrea Barzagli e Giacomo Bonaventura (©Getty Images)

Andrea Barzagli sarà al centro della difesa di Massimiliano Allegri nella finale MilanJuventus di domani sera allo stadio Olimpico di Roma. L’esperto centrale bianconero è uno dei leader della squadra campionessa d’Italia e domani cercherà di far valere le proprie qualità tecniche e di esperienza nel contrastare l’attacco milanista.

Queste le parole di Barzagli a La Gazzetta dello Sport sulla partita di domani: «I pronostici dicono che siamo favoriti, ma temo i rossoneri. È una finale pericolosa, il Milan ci metterà l’orgoglio. In una partita secca può succedere di tutto, sarà decisivo il nostro approccio». Nonostante sia normale pensare che la Juventus parta favorita, lui predica calma ed invita i compagni ad essere concentrati, senza sottovalutare l’avversario.

Successivamente il centrale della Juventus risponde su Carlos Bacca e Mario Balotelli, due attaccanti che ha avuto modo di affrontare già e che incrocerà pure in finale: «A volte sembra poco coinvolto nel gioco, ma è un rapace d’area. Ci ha fatto sudare, bisogna stargli addosso tutta la partita. Balotelli? È stato fuori a lungo, peccato perché ci ha perso lui, il Milan e la Nazionale. Poteva diventare la nuova stella italiana, ma le pressioni sono tante e non è riuscito a tirare fuori il meglio. Ha perso qualche treno, avrà dei rimpianti».

Infine Barzagli ha parlato di due giovani colleghi come Daniele Rugani e Alessio Romagnoli, che vengono visti come il futuro di Juventus e Milan oltre che del calcio italiano per quanto riguarda il reparto difensivo: «Sono quelli più pronti. Hanno avuto percorsi diversi: Rugani ha saputo aspettare, ma deve acquisire più cattiveria per fare il difensore. Romagnoli ha trovato il Milan in un anno difficile».

 

Redazione MilanLive.it