Carlos Bacca e Andrea Coda (©getty images)
Carlos Bacca e Andrea Coda (©getty images)

MILAN NEWS – Non proprio un momento felice quello di Carlos Bacca; l’attaccante del Milan è stato tra i primi a lasciare lo stadio di San Siro domenica pomeriggio, dopo la vittoria di misura contro il Pescara. Ha fatto discutere il battibecco con Vincenzo Montella al momento della sostituzione, accettata di certo non di buon grado dall’attaccante colombiano. Inoltre c’è anche da segnalare un’astinenza da gol che in campionato dura ormai da circa un mese: nelle ultime quattro gare con la maglia del Milan Bacca non è finito nel tabellino dei marcatori, idem nelle ultime due prove con la sua Nazionale.

Insomma, come scrive la Gazzetta dello Sport, per ritrovare un gol del centravanti rossonero bisogna tornare al rigore trasformato nel rocambolesco 4-3 con cui la squadra di Montella ha battuto il Sassuolo ad inizio ottobre. Un anno fa senza le reti di Bacca la squadra era praticamente persa: nei 17 incontri in cui era andato a segno il Milan aveva ottenuto 11 vittorie, 5 pareggi e una sola sconfitta inutile all’ultima giornata contro la Roma. I suoi centri avevano tenuto in piedi i rossoneri in vista della lotta per un posto in Europa.

Quest’anno il trend però sembra cambiato: mister Montella ha compattato il gruppo e creato un tipo di gioco che non debba prescindere dalle giocate del suo centravanti titolare; possono segnare tutti, come dimostrano le ultime tre vittorie rossonere in campionato: a Verona contro il Chievo sono finiti sul tabellino Niang, Kucka più un’autorete di Dainelli. Il giovane Manuel Locatelli ha deciso il match con la Juventus e una punizione geniale di Jack Bonaventura ha spazzato via le resistenze del Pescara. Il Milan di oggi non è più Bacca-dipendente, ma se il colombiano ritrovasse il gol sarebbe un’arma in più per la lotta al podio.

Redazione MilanLive.it