Il Milan esulta a Palermo (©getty images)
Il Milan esulta a Palermo (©getty images)

MILAN NEWS – E’ presto per dirlo, ma questo sembra davvero l’anno buono per il Milan. La squadra rossonera gioca male, soffre un buon Palermo che nella ripresa fa venire il mal di testa a Gianluigi Donnarumma e compagni, ma vince con una zampata del calciatore che non ti aspetti, quel Gianluca Lapadula che da subentrato diventa decisivo con un colpo di tacco istintivo e vincente. Un gol fondamentale che resterà nella storia, almeno recente, del Milan, sempre più squadra da Champions League. In una domenica che sembra sorridere come poche altre.

La Gazzetta dello Sport ha analizzato un match teso e complicato, con un Palermo alla caccia quasi disperata di punti salvezza contro un Milan che invece comincia forte, ringrazia il portiere Posavec che sbaglia l’uscita e regala l’1-0 a Suso, sempre più leader offensivo dei rossoneri. Prologo di una vittoria facile? Macché, il diavolo stranamente si abbassa, perde palla troppo facilmente e il Palermo capisce di poter azzannare facilmente in fase d’attacco passando al 4-3-3 rispetto ad un abbottonato 4-1-4-1 iniziale.

E’ ancora Ilia Nestorovski, sorprendente bomber macedone, a timbrare il cartellino nel miglior momento dei padroni di casa. Un pareggio che sa di speranza e che punisce giustamente un Milan spento e senza filtro a centrocampo. Ma la mossa giusta l’azzecca Vincenzo Montella: fuori un Bacca ancora preoccupante, dentro Lapadula a cui bastano circa 2 minuti e mezzo per inventare il gol della domenica, un tacco irriverente a deviare un tiro di Suso. Gol e vittoria che scacciano i timori e lanciano il Milan verso un terzo posto decisamente meritato.

https://www.youtube.com/watch?v=J5IC6IqPG0w

Redazione MilanLive.it