Juraj Kucka e Ivan Perisic (©getty images)
Juraj Kucka e Ivan Perisic (©getty images)

MILAN NEWS – Alla fine del derby pareggiato 2-2 tra Milan e Inter i protagonisti in maglia rossonera hanno ammesso in coro che il pareggio rappresentava il risultato più giusto, nonostante la squadra di Stefano Pioli abbia raggiunto il pari definitivo soltanto al 92′ grazie al colpo di Ivan Perisic in mischia. Gli uomini di Vincenzo Montella escono rammaricati ma consapevoli che il punto guadagnato nel derby è da trattare come oro, visto che ai punti i nerazzurri hanno fatto sicuramente meglio di un Milan deludente nel primo tempo e nella fase finale del match.

Lo conferma anche Tuttosport che si appella ai numeri per decretare il pareggio come risultato giusto ma con l’Inter evidentemente più rammaricata per gli sforzi maggiori prodotti. Basti pensare che la squadra interista ha ottenuto un 65% complessivo nel dato del possesso palla, quasi quanto una squadra allenata da Pep Guardiola, nonostante sia in realtà Montella un ‘seguace’ della filosofia del tiqui-taca. Rossoneri schiacciati nel giro palla ma evidentemente più concreti: 18 tentativi a rete dell’Inter contro i 10 del Milan, quasi il doppio, ma la percentuale realizzativa premia evidentemente questi ultimi.

Sedici invece le occasioni da gol in generale create dall’Inter contro le sole nove dei rossoneri, che hanno preferito sfondare centralmente provando ad approfittare degli inserimenti di Jack Bonaventura o Juraj Kucka, mentre i nerazzurri si sono rivelati letali dalle fasce, con 12 cross pericolosi effettuati, 8 corner battuti (uno solo per il Milan) e molteplici tentativi laterali. 2-2 il finale, ma ai punti l’Inter avrebbe meritato di più.

Redazione MilanLive.it