Vincenzo Montella
Vincenzo Montella (©Getty Images)

MILAN NEWS – La scorsa estate erano tanti i nomi sul taccuino di Adriano Galliani per il nuovo allenatore da far accomodare sulla panchina rossonera. Dopo la gestione fallimentare degli ultimi anni, con ben cinque allenatori cambiati, bisognava necessariamente ripartire da un nome che potesse garantire certezze.

Massimiliano Allegri aveva già dato e non aveva più il controllo dello spogliatoio, a Clarence Seedorf non fu dato il tempo necessario per esprimere le proprie idee, l’organico di Filippo Inzaghi non era all’altezza di un posto in Europa, Sinisa Mihajlovic ha esaurito in troppo poco tempo la carica che aveva dato all’ambiente, mentre Cristian Brocchi fu solo un traghettatore per poche settimane.

La scelta di Vincenzo Montella arrivò dopo diversi giorni e fu accolta non senza qualche polemica dai tifosi e dall’opinione pubblica, soprattutto perché la precedente esperienza dell’allenatore campano alla Sampdoria fu tutt’altro che positiva. In realtà il tecnico aveva bisogno di un’ambiente tranquillo e di un gruppo affamato e giovane per esprimere il potenziale, come successo a Catania e, in parte, anche alla Fiorentina. I colleghi di Repubblica quest’oggi scrivono che Montella sarà il tesoro che Galliani lascerà in eredità ai cinesi di SES che entro l’1 o il 3 marzo dovrebbero ufficialmente acquistare la maggioranza del club rossonero. La permanenza dell’attuale mister viene data per certa, nonostante alcune voci su Roberto Mancini smentite dal diretto interessato.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it