Ganpaolo Calvarese
Gianpaolo Calvarese (©Getty Images)

MILAN NEWS – La classica prestazione arbitrale nella quale se sbagli il primo intervento poi sarà tutto un domino di errori marchiani fino alla fine. Giampaolo Calvarese è il protagonista negativo del match tra Sassuolo e Milan, tra rigori non visti, irregolarità non segnalate, cartellini girati senza senso.

La moviola del Corriere dello Sport punta il dito sul fischietto di Teramo, protagonista subito ad inizio match: subito dubbi su un contatto Berardi-Vangioni nell’area rossonera, Calvarese preferisce ammonire l’attaccante emiliano per simulazione, ma il contatto al replay sembrava esserci. Un primo errore grave che si compenserà minimamente con il penalty concesso al Sassuolo: giusto punire l’intervento scomposto di Kucka su Duncan in area.

L’episodio più clamoroso arriva al 21′ minuto: non c’è contatto falloso tra Aquilani e Bertolacci nell’area dei padroni di casa, ma Calvarese interpreta lo scontro come punibile con il rigore. Dal dischetto Carlos Bacca calcia scivolando e colpisce il suo piede d’appoggio realizzando l’1-0, però irregolarmente. Il doppio tocco da penalty non è consentito, ma il rigore andava ripetuto per i troppi calciatori del Sassuolo all’interno dell’area al momento del tiro. Calvarese assegna il gol e fa infuriare il Mapei Stadium.

Il Sassuolo reclama poi in altre due circostanze: scatenato Matteo Politano, che prima cade con facilità su una spintarella di Vangioni, il quale rischia molto ma viene graziato. Clamoroso il penalty negato all’ala neroverde nella ripresa, che prende un calcione da Paletta in piena area, ma Calvarese ancora una volta lascia giocare nell’incredulità generale. E la fiera degli orrori finisce con il mancato ‘rosso’ a Berardi che scaglia il pallone per nervosismo addosso a Deulofeu. In arrivo per Calvarese un lungo stop forzato da parte dell’Aia.

 

Redazione MilanLive.it