Tavecchio: “Il Milan ha tutto in regola. Biglia-Bonucci? Questione interna”

Carlo Tavecchio
Carlo Tavecchio (©Getty Images)

MILAN NEWS – Negli ultimi mesi in molti hanno messo bocca sulla questione finanziaria del Milan, passato lo scorso aprile in mano ai cinesi capitanati dal presidente Yonghong Li.

La gestione sin qui è stata molto onerosa, soprattutto in sede di calciomercato, e questo ha scatenato non poche poco clamore. L’uscita più clamorosa, quanto inopportuna, sin qui è stata quella del presidente della Roma James Pallotta, demolito poche ore dopo dalla video-risposta di Marco Fassone. Con la speranza che nessun’altro metta ancora in dubbio l’onestà e la limpidezza della nuova proprietà rossonera, il presidente della FIGC Carlo Tavecchio ha così spiegato: “Non valutiamo le parole di Pallotta. Le squadre italiane sono soggette ai controlli dell’ordinamento federale. Per ora tutto quello che si sta svolgendo è nella norma. Abbiamo chiesto le garanzie pre-fittizie, le garanzie antimafia e la provenienza dei fondi. Più di questo…”.

Secca invece la risposta sul caso, montato a doc da diversi organi di stampa, sull’esclusione di Lucas Biglia e Leonardo Bonucci dalla temporanea lista UEFA a causa delle mancate fideiussioni. La questione era già stata bloccata prima che esplodesse dallo stesso Fassone nel giorno della presentazione di Bonucci, ma non è basta. Tavecchio, a Premium Sport, si è brevemente espresso in merito: “Queste cose non le so e non posso saperle. Sono questioni interne al Milan”. I detrattori del nuovo Milan cinese stiano dunque tranquilli, in casa rossonera – come ribadito per l’ennesima volta – tutto è limpido, trasparente e fatto alla luce del sole.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it