Conti: “Milan, realizzo un sogno. C’è un progetto importante”

Andrea Conti
Andrea Conti (foto acmilan.com)

NEWS MILANAndrea Conti è stato oggetto di una lunga trattativa, ma alla fine Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli sono riusciti a strapparlo all’Atalanta. Un affare da circa 27-28 milioni di euro, tra parte in denaro e il cartellino di Matteo Pessina.

Il nuovo laterale del Milan ha commentato ai microfoni del Corriere dello Sport il suo passaggio in maglia rossonera, fortemente voluto, rifiutando anche altre ricche offerte: «È il coronamento di un sogno. Io ho voluto il Milan, la prima e per me l’unica squadra che mi ha voluto. Un’occasione importantissima da una grande società. La sua chiamata mi ha fatto onore, anche perché qui al Milan mi hanno voluto più di tutti».

Il club rossonero da qualche anno non è più lo stesso visto per circa venticinque anni di era Berlusconi, però Conti ha deciso di sposare il progetto della nuova società in maniera convinta: «Questo fattore è stato importante per la mia scelta. In effetti in questi ultimi anni non è stato il Milan di sempre, ma per me era fondamentale essere protagonista di un progetto così importante: riportare questo club ai vertici del calcio. Per me è una bella sfida, più unica che rara, un’occasione che non accadrà più. Il Milan è il sogno di ogni bambino».

Ovviamente passare da una piazza come Bergamo a quella di Milano comporta un aumento di responsabilità e pressioni, ma lui non si preoccupa affatto di questo: «Non mi pongo il problema, sono abituato alle pressioni. Non le soffro, sono i miei avversari che devono stare più attenti con me».

Conti ha mostrato grande abilità nella spinta offensiva, segnando anche 8 gol nella scorsa stagione all’Atalanta. Però al Milan per adesso gioca terzino e non esterno di centrocampo, dunque è diverso. Tuttavia il ragazzo sa dove migliorare: «Sicuramente nella fase difensiva, nelle diagonali, nella postura del corpo nell’uno contro uno. E poi devo stare più attento quando protesto, quando c’è qualcosa che non mi va bene. Reagisco, non riesco a trattenermi. Devo cercare di non prendere troppe ammonizioni».

La squadra rossonera punterà a tornare in Champions e a fare una grande Europa League. Il 23enne di Lecco ha anche un altro obiettivo importante: «I Mondiali del 2018. Nella passata stagione ero concentrato sull’Europeo Under 21. Adesso voglio conquistare la maglia azzurra prima possibile».

 

Redazione MilanLive.it