Nikola Kalinic
Nikola Kalinic (©Getty Images)

MILAN NEWS – In un Milan che tenta di rilanciarsi, seppur tra mille difficoltà e lo scetticismo imperante di tifosi e opinionisti, spuntano due anime talmente divergenti che mostrano le due facce della squadra di Gennaro Gattuso.

Nikola Kalinic e Riccardo Montolivo hanno cominciato la stagione con aspettative completamente diverse: il centravanti croato è arrivato ad agosto a Milanello magari non accolto come il nuovo bomber assoluto, ma con tanta fiducia e come ciliegina sulla torta di un calciomercato estivo coi fiocchi. Il centrocampista invece nel giro di poche settimane aveva perso sia la fascia da capitano che il posto da titolare per gli arrivi in contemporanea di Bonucci e Biglia, dunque destinato ad un’annata in panchina e senza più un ruolo da leader.

Il destino (e non solo) ha però cambiato le carte in tavola: Kalinic per ora è uno dei calciatori meno convincenti del Milan, pochi gol segnati, tante insufficienze e quell’applauso ironico ai danni dei tifosi durante l’uscita dal campo contro il Torino che potrebbe aver minato il rapporto con San Siro. Montolivo invece, come scrive la Gazzetta dello Sport, è la faccia sorprendente della squadra rossonera: da un mese a questa parte ha ritrovato un posto da titolare ma soprattutto ritmo, gamba e concentrazione in mezzo al campo. I due salvataggi decisivi in Milan-Bologna sono la sintesi di una rivalsa che sta andando a buon fine.

Kalinic ora chieda consiglio al suo più esperto compagno di squadra, abilissimo a rialzarsi dopo contestazioni durissime ed a ritrovare la mentalità giusta per rispondere sul campo alle critiche dello scorso anno.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it