Walter Sabatini
Walter Sabatini (©Getty Images)

Walter Sabatini non è più il direttore tecnico di Suning Sports, la branca sportiva del colosso cinese proprietario di Inter e Jiangsu. Nella giornata di ieri è maturato un inatteso divorzio tra le parti.

La risoluzione del contratto è stata così annunciata tramite un comunicato ufficiale della società cinese: “Suning Sports e Sabatini hanno raggiunto un accordo per la conclusione anticipata del contratto che li lega. Sabatini non ricoprirà più il ruolo di direttore tecnico di Suning Sports. Il Club gli augura successo nella sua prossima esperienza lavorativa”. L’ex direttore sportivo di Lazio, Palermo e Roma ha commentato l’addio a Suning Sports come segue: “Abbiamo parlato in un clima molto sereno. Mi aspetto che l’Inter faccia l’Inter, che possa dimostrare di giocare bene e vincere le ultime partite. Sarebbe una consolazione per un’esperienza non esaltante in generale. Mi sarebbe piaciuto costruire una storia un pochino più consistente Sarebbe stato bello costruire una storia un po’ più consistente…”.

Inter: Sabatini e Capello salutano Suning

Oggi La Gazzetta dello Sport scrive che Walter Sabatini sia stato irritato nel non poter incidere nel mercato di gennaio. Tra Fair Play Finanziario e paletti del Governo cinese c’è stata difficoltà per l’Inter nell’operare. E la comunicazione Milano-Nanchino non è stata delle migliori. Pare che il dirigente non abbia gradito lo stop da Suning alle operazioni per Javier Pastore, Ramires e Alex Texeira. Gli ultimi due sono di proprietà dello Jiangsu, l’altra squadra del patron Zhang Jindong. Contrasti con la proprietà e rapporto che difficilmente poteva durare ancora molto.

Suning aveva affidato a Sabatini anche il rilancio dello Jiangsu, dove era stato ingaggiato un allenatore di esperienza come Fabio Capello. Dopo la salvezza della passata stagione, il calciomercato in entrata è stato caratterizzato dall’austerity e con tanto di cessione del bomber Roger Martinez. L’avvio della nuova stagione è stato negativo e pertanto la società cinese e l’allenatore italiano sono arrivati al divorzio.

Sabatini in merito all’addio di Capello allo Jiangsu Suning ha spiegato: “Scarsa identità di vedute sulle cose fatte, quindi Fabio ha chiesto e ottenuto la risoluzione del contratto. Il tutto senza polemiche o toni particolari, perché Suning ha apprezzato il lavoro fatto dal tecnico, la sua maestria e la sua esperienza nel tirare fuori la squadra da una situazione di classifica inizialmente difficile. Tutto si è svolto nel rispetto dei ruoli e della storia”. Al posto dell’ex tecnico di Milan, Roma e Juventus è arrivato il rumeno Cosmin Olăroiu.

Matteo Bellan