Logo UEFA
Logo UEFA (UEFA.com)

MILAN NEWS – La data ormai è certa: il prossimo 20 aprile il Milan comparirà a Nyon di fronte alla commissione di controllo dell’UEFA in ambito Fair Play Finanziario.

In ballo c’è l’adesione del club rossonero al regime del settlement agreement tramite un’auto-denuncia riguardo i propri conti in rosso. Il Milan però arriva con un certo ottimismo alla verifica di venerdì, visto che l’ultimo semestre ha fatto notare dei netti miglioramenti in fatto di ricavi ed un bilancio meno passivo di quanto ci si aspettava inizialmente.

Ma come scrive Tuttosport il Milan avrebbe anche un’arma in più per convincere l’UEFA a non sanzionare ulteriormente la società di Yonghong Li. Tale aiuto arriverebbe dal fondo creditore Elliott Management Corporation, che dovrebbe presentare all’organo di Nyon una documentazione scritta originale che confermi la presenza del requisito della continuità aziendale e della sostenibilità economica per il club rossonero. La società staunitense di Paul Singer è considerato uno degli hedge-fund più ricchi, esperti e facoltosi del mondo e dunque l’UEFA difficilmente potrà non tenere conto di tale documentazione dal parere a dir poco esimio riguardo ai conti del Milan.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it