Yonghong Li
Yonghong Li (foto acmilan.com)

NEWS MILAN – Da settimane si parla della possibile cessione del club rossonero, dato che Yonghong Li sembra un po’ alle strette. Entro venerdì deve versare 32 milioni ad Elliott, sennò perderebbe il controllo del club. E anche se li versasse, sarebbe solamente per guadagnare del tempo.

Milano Finanza oggi scrive che le trattative per la cessione del Milan sono tutte congelate al momento. E spiega anche il motivo per il quale ci siano state delle difficoltà per tutti coloro che si sono interessati all’acquisto del Diavolo. A partire da Rocco Commisso, che nell’ultimo mese è apparso vicino a chiudere l’operazione per 2-3 volte. Sullo sfondo anche la famiglia Ricketts e altri soggetti.

In pratica, c’è una condizione che Yonghong Li continua a non vedere inserita nel contratto di cessione da parte dei potenziali acquirenti. Non riguarda i soldi cash da incassare dalla vendita e neanche la permanenza con quote del 25-30% come azionista di minoranza. L’uomo d’affari cinese ha fatto mettere nero su bianco l’opzione della non diluizione futura della sua quota residua anche in caso di aumenti di capitale che il club sarà chiamato a deliberare nei prossimi anni. Una condizione che Mister Li vuole inserire e che sta frenando i pretendenti.

 

Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it