Leonardo
Leonardo a San Siro (foto acmilan.com)

MILAN NEWS – Scetticismo, critiche, addirittura striscioni di contestazione già pronti. Tutto questo rappresentava l’ambiente Milan nel momento in cui si è cominciato a parlare del ritorno da dirigente di Leonardo de Araujo.

L’attuale direttore dell’area tecnica è stato il primo nome fatto dal nuovo consiglio d’amministrazione per guidare a livello dirigenziale il Milan dopo la fine dell’era cinese. Un’ipotesi non caldeggiata affatto da una parte della Curva Sud, che contesta ancora oggi il breve passaggio di Leonardo dal Milan alla panchina dell’Inter nel 2011, quando il brasiliano si sentì tradito dalla proprietà Berlusconi e decise come smacco di accettare l’originale proposta di allenare per un anno l’altra squadra della città meneghina.

Ma come sostiene Tuttosport quest’oggi, ogni critica e contestazione nei confronti di Leonardo pare essere scemata o comunque passata in secondo piano dopo l’ottima campagna acquisti messa in piedi con l’aiuto di Paolo Maldini, altra figura di spicco della nuova gestione Elliott. Il Milan è migliorato sostanzialmente nella rosa e nella qualità tecnica grazie al lavoro rapido e dettagliato di ‘Leo’, che è stato in grado di concludere il maxi-affare con la Juventus assicurandosi il bomber Higuain e il talentuoso stopper Caldara. Nel finale ha anche chiuso tre trattative utilissime per Bakayoko, Castillejo e Laxalt, consegnando a Gennaro Gattuso una rosa finalmente completa e ricca di risorse. Guai dunque a mettere Leonardo sulla graticola, visto che da milanista doc sta dando l’anima per migliorare questo club.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it

 

 

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it