Casa Milan
Casa Milan (©Getty Images)

NEWS MILAN – “Le banche italiane riaprono i rubinetti“, inizia così l’articolo di Carlo Festa, giornalista de Il Sole 24 Ore, sul suo blog ‘The Insider’.

Sotto la gestione Elliott Management, il Milan tratta con Unicredit – ma anche con altri istituti – linee di credito e di factoring. I futuri incassi dei diritti TV potrebbero fare da garanzia, anche se per il momento non c’è ancora nulla di definito. Paolo Scaroni, presidente rossonero, è al lavoro in questo senso, in attesa del 1° dicembre, quando sarà Ivan Gazidis, nuovo amministratore delegato, ad occuparsene. Secondo le voci di corridoio, sarebbe in piedi una contrattazione con la banca di piazza Gae Aulenti per ottenere linee di credito comprese fra i 70 e i 100 milioni.

Un tipo di accordo che la banca Unicredit ha già stretto con la Roma di James Pallotta e anche altre società. Migliorare gli indicatori dello stato patrimoniale del Milan è fondamentale in vista del Fair Play Finanziario. A proposito, proprio ieri il club ha annunciato di aver azzerato i debiti, rimborsando i bond da 128 milioni, obbligazioni sottoscritte al momento del passaggio del club nelle mani di Yonghong Li.

Adesso il patrimonio del Milan netto è di 120 milioni di euro. L’operazione di rimborso dei bond ha un chiaro significato per rispettare i paletti del Financial Fairplay dell’Uefa: è importante per ridurre l’esposizione debitoria e di aumentare al contrario le risorse direttamente investite da Elliott.

 

Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it