Mattia Caldara
Mattia Caldara (foto acmilan.com)

MILAN NEWS – Un infortunio più serio del previsto in casa Milan. Nel pieno di un calvario incredibile e sconcertante, il tunnel di Mattia Caldara si fa sempre più buio. La luce, ora, sembra distante ben tre mesi.

Come infatti riferisce La Gazzetta dello Sport di oggi, dovrebbero essere questi i reali tempi di recupero del difensore rossonero. Non due quindi, come aveva ottimisticamente riferito Gennaro Gattuso in conferenza dopo Milan-Sampdoria. A peggiorare la situazione è la scoperta di uno strappo di quasi tre centimetri al muscolo del polpaccio destro. Adesso, servirà un bel po’ di lavoro fisioterapico in più includendo forse anche l’intero gennaio. L’unica speranza – ma l’umore del giocatore e di chi gli sta vicino resta cupo, si legge –  è che una volta assorbito l’ematoma il danno sia meno profondo di quanto si era immaginato. La riabilitazione verrà fatta a Milano, insieme allo staff rossonero e senza avvalersi di consulenti esterni.

Il tutto è successo giovedì, in allenamento. Così diventa sempre più tormentata la sua esperienza milanista dove finora ha ottenuto una sola presenza a Dudelange. La trasferta in Lussemburgo doveva essere l’inizio dell’ascesa, invece non è stato altro che l’ingresso della strettoia. Prima i fastidi alla schiena, poi la fastidiosissima pubalgia e adesso per il problema al gemello mediale. Un insensato accanimento del destino.

 

Redazione MilanLive.it

 

 

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it