Panchina Milan, Shevchenko da scartare: resterà Ct

Milan, va scartato il nome di Andriy Shevchenko per l’eventuale panchina rossonera. Ecco perché è improbabile un approdo dell’ex bomber al posto di Marco Giampaolo. 

andriy shevchenko
Andriy Shevchenko (©Getty Images)

Milan, è da depennare il nome di Andriy Shevchenko per la panchina rossonera: lo riferisce La Gazzetta dello Sport oggi in edicola. Quella vecchia suggestione, almeno per ora, è destinata a restare tale.

Resta un nome più per il futuro che per il presente, perché l’impegno con la nazionale è totale e il ruolo di un doppio incarico è improbabile. Soprattutto con un club come il Milan, con un blasone enorme e una classifica da incubo, e un’Ucraina, nel frattempo, a caccia di una storica qualificazione all’Europeo.

San Siro è casa sua, ma Sheva non lascerebbe mai un’opera a metà. E a scartare l’ipotesi è stato lo stesso ex bomber. Ecco quanto riporta il Corriere della Sera: “Voglio bene al Milan che resta nel mio cuore. Soffro con i tifosi, ma Paolo e Zvone sono la miglior garanzia per uscire da questo momento”.

La sua missione, adesso, è rappresentare il suo Paese: “Per me è un onore e una responsabilità guidare l’Ucraina: ho un dovere verso il mio popolo. Condurrò perciò la Nazionale nelle gare di qualificazione agli Europei e finché durerà l’avventura”. E infine: “Ma non dovete strumentalizzare l’incontro con Paolo. Amo il Milan ma ora non torno”. 

Milan, Giampaolo pensa a un tridente inedito: Piatek in panchina?