Home Milan News Tesoro Milan: ecco quanto valgono Bennacer, Hernandez, Leão e Rebic

Tesoro Milan: ecco quanto valgono Bennacer, Hernandez, Leão e Rebic

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:59

Il Milan ha un tesoro in casa: Ismael Bennacer, Theo Hernandez, Rafael Leão e Ante Rebic. Ecco quanto valgono oggi i quattro acquisti rossoneri dopo l’exploit. 

Ante Rebic Milan Udinese gol
Ante Rebic esulta con la squadra in Milan-Udinese 3-2 (©Getty Images)

Ismael Bennacer, Theo Hernandez, Rafael Leão e Ante Rebic: come evidenzia La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, il Milan adesso ha un tesoro interno. Da oggetti inizialmente misteriosi e potenziali fonte di guadagno. Tutti i giocatori citati, infatti, hanno già impreziosito il valore iniziale per cui sono stati pagati.

Bennacer per esempio, costato 16 milioni quest’estate, ora ne vale almeno 30 come evidenzia il quotidiano. Ma in realtà valeva qualcosa in più già prima che approdasse in rossonero: è stato infatti eletto il miglior giocatore dell’ultima Coppa d’Africa, ma l’Empoli ha mantenuto i patti inizialmente presi e la cifra è rimasta la stessa nonostante tutto. Nato mezzala, Stefano Pioli gli ha consegnato le chiavi della regia milanista.

Hernandez, il bomber goleador del Milan, ora vale già più del doppio rispetto ai 20 milioni di euro versati nelle casse del Real Madrid nell’ultima sessione estiva. Siamo attorno ai 45 milioni con questo rendimento. Che si trovi qualche volta fuori posizione, è innegabile. Ma il Milan gli perdona volentieri le pecche difensive se poi il risultato è una caterva di goal.

Leão, con un investimento-scommessa da 35 milioni, è stato invece l’acquisto più caro dell’ultima estate. Inizialmente sembravano spesi male per un 20enne dalle indubbie qualità ma ancora parecchio acerbo e discontinuo. Ma da quando Zlatan Ibrahimovic lo ha preso sotto la sua ala, e gli ha iniziato a spiegare movimenti e dinamiche, sta iniziando a crescere, è titolare fisso e ha iniziato a dimostrare di valere quelle cifre.

Infine Rebic, l’ultimo eroe di San Siro. Sembrava la grossa delusione di quest’annata, l’addio era ormai prossimo, finché non è scattato qualcosa anche in lui. Giocatore fisico, aggressivo e dotato anche di buona tecnica, la sua doppietta ha cambiato gli scenari di classifica e di mercato. Oltre a spingere il Milan a -2 dall’Europa League, si è anche auto-confermato in rossonero. E nel frattempo ha pure recuperato la sua quotazione originaria, ovvero 25 milioni circa.

Suso-Milan, è rottura: il giocatore ha chiesto la cessione