Milan, Donnarumma verso la cessione. Quattro nomi per sostituirlo 

Milan, Gianluigi Donnarumma si allontana sempre di più. Il club lavora al sostituto e come riferisce il CorSport, tra quattro nomi sotto osservazione, ce ne sarebbe uno in particolare nel mirino. 

Gigio Donnarumma addio Milan
Gigio Donnarumma (©Getty Images)

Gianluigi Donnarumma, il tormentone è entrato nel vivo. Come infatti riferisce il CorSport oggi in edicola, per il club rossonero è giunto il momento della verità per l’estremo difensore milanista. Il momento da dentro o fuori. Il quale, considerato lo scenario, lo vede a oggi decisamente più lontano che vicino al Diavolo. 

Elliott è infatti spalle al muro: il contratto del giocatore scade nel 2021, e le pretese di Mino Raiola per un prolungamento sono parecchio alte. Richieste, tra l’altro, che la proprietà non è disposta ad accontentare in virtù di un bilancio già in rosso e che verrebbe appesantito ulteriormente.

Donnarumma verso la cessione

Ecco, allora, che questa situazione di stallo porterà giocoforza il Milan a valutare una cessione al miglior offerente. Perché di un rinnovo al ribasso non se ne parla assolutamente, e così non resterà che vendere al migliore offerente quest’estate.

Che sia il Chelsea in Premier League, il Paris Saint-Germain in Francia o il Real Madrid per un approdo nella Liga Spagnola. Sullo sfondo resta sempre la Juventus, la quale, a fari spenti, continua a monitorare in maniera indiretta l’evolversi della situazione.

Dunque, preso atto di tale situazione, la dirigenza si è già mossa per il sostituto di Gigio. Come infatti riferisce il quotidiano, in questi giorni il Milan ha avuto contatti con agenti e dirigenti per capire il margine di manovra sui portieri in Serie A.

Milan, i nomi per la porta

Sono quattro i profili che interessano particolarmente. Il primo – assicura il CdS – è Juan Agustin Musso dell’Udinese, nel pieno della maturità a 25 anni e pronto e meritevole di un salto in una big. E non si dovrebbe trattare nemmeno di un esborso esagerato malgrado tutto.

C’è poi anche Pierluigi Gollini dell’Atalanta sulla lista di mercato. Un nome che stuzzicherebbe in particolare l’uomo mercato Geoffrey Moncada, ma si tratterebbe in questo caso di una trattativa piuttosto complessa dato l’exploit avvenuto dopo un’annata importante con l’Atalanta. Ecco perché in alternativa ci sono anche Alessio Cragno del Cagliari e Alex Meret del Napoli.

Il primo, nel giro della nazionale e reduce da un brutto infortunio, anche sarebbe desideroso di fare un salto professionale. Il portiere azzurro, invece, è potenzialmente in uscita poiché Gennaro Gattuso gli ha finora preferito David Ospina. Ma a differenza di Cragno, sarebbe un’operazione decisamente più costosa.

Tra i vari noi citati, nessuno ha un ingaggio proibitivo per il Milan. Dunque, in caso di addio forzato di Donnarumma, oltre a una plusvalenza che ne verrebbe, ci sarebbe anche il vantaggio di un super risparmio dell’ingaggio. 50 milioni di euro: se proprio dovrà essere addio, sarà questa la cifra minima che si proverà a strappare.

LEGGI ANCHE: ALLENATORE MILAN, LA RIVELAZIONE DI FILIPPO GALLI