Milan, Rebic: “Pioli e Ibrahimovic leader. Cambio numero? Nessun motivo”

Rebic ha rilasciato un’intervista a Milan TV. Da ieri è ufficiale il riscatto dall’Eintracht: è totalmente un calciatore rossonero.

Rebic
Ante Rebic (foto AC Milan)

Ante Rebic da ieri è un calciatore totalmente del Milan, dopo un anno in prestito. Un acquisto importante perché il croato è stato un calciatore determinante lo scorso anno. Intervenuto ai microfoni di Milan TV, l’attaccante ha rilasciato una bella intervista. Come sempre, Rebic parla chiaro e non nasconde nulla dei suoi pensieri.

Sulla permanenza in rossonero: “Sono molto felice perché ho firmato con il Milan, ho dimostrato che posso giocare qui. Sono contento“. Nonostante il tanto lavoro sporco, quest’anno Rebic ha trovato continuità anche in termini di reti: “Anche l’anno scorso quando sono arrivato ho detto che non sono un bomber, aiuto in un altro modo. Ho fatto 12 gol e spero di farne anche di più quest’anno“.

Ha cambiato numero di maglia: niente più 18, ha scelto il 12: “Nessun motivo. Anche l’anno scorso volevo il 4 o il 12 ma erano entrambi occupati. Ora era libero e l’ho preso“. Sull’importanza di Zlatan Ibrahimovic in campo e non solo: “Un grande calciatore, ci aiuta tutti, ha un grande impatto. Un piacere giocare con lui. Io faccio il mio, sto facendo bene e spero di fare anche meglio“.

Rebic ha una personalità molto forte, è un potenziale leader ma al momento in due occupano questa posizione: “Abbiamo un leader in panchina, che è il mister, e Zlatan in campo. Per adesso non serve“. Sulla fiducia che ha avuto Stefano Pioli nei suoi confronti: “E’ stato importante, ma ho lavorato sempre bene. Lui ha visto che ho meritato l’occasione e l’ho colta“.

La settimana prossima comincia la Serie A: il Milan affronterà il Bologna di Mihajlovic. La priorità di Rebic non è la rete: “Voglio cominciare con i tre punti, l’importante è che la squadra vinca“. Sulla condizione fisica della squadra: “Abbiamo avuto tre settimane di riposo ma ci siamo sempre allenati. Siamo pronti per il campionato e vogliamo continuare come abbiamo finito“. Infine i suoi obiettivi: “Obiettivi personali niente di particolare: dare il massimo e giocare il meglio possibile. Per la squadra, vogliamo fare meglio dell’anno scorso e continuare a vincere”.