Kessie: “Decide Ibra chi calciare i rigori. Contava solo rialzare la testa!”

Le parole di Kessie al termine di Bologna-Milan. Ecco le dichiarazioni del centrocampista ivoriano ai microfoni di Sky Sport

Franck Kessie post Bologna-Milan
Franck Kessie (© Getty Images)

Il Milan torna al successo, contro il Bologna. Tra i protagonisti del match contro la squadra di Mihajlovic c’è sicuramente anche Franck Kessie: “Oggi era importante vincere e lo abbiamo fatto – ammette l’ivoriano ai microfoni di Sky Sport – Fuori casa è dura, il Bologna è un avversario complicato. Oggi il gioco non contava, contavano solo i tre punti. Non credevo in un calo, non possiamo giocare tutte le partite al 100%. Rialzare la testa era la cosa che contava”.

Rigorista del Milan – “Un rigore è più importante per un attaccante, ecco perché l’ho fatto calciare a lui. Il secondo me lo ha ceduto. In allenamento? Calciamo pochi rigori, solo chi ha voglia. Il rigorista è Ibra, decide lui. Guardi il portiere fino all’ultimo? Sì fino a quando non fa l’appoggio col piede, così capisco quale lato sceglie”

Lotta scudetto – Tutte le squadre che stanno dietro a noi, Juve, Inter, Atalanta e Roma sono in lotta ma noi dobbiamo andar più forti. Pensiamo solo a noi stessi se pensi agli altri hai una pressione negativa”.

Milan in alto– “Quando ti chiami Milan devi lottare fino alla fine in ogni competizione. Dobbiamo ringraziare il mister che sta facendo un grande lavoro. Noi facciamo quello che ci dice lui”.